Parliamo per far sentire la nostra voce



Parole GLBT oggi compie due anni.
Due anni durante i quali abbiamo scritto di attualità, di cultura e storia, di futuro, ovvero di quello che ci aspettiamo.
Lo abbiamo fatto per far sentire la nostra voce. Per mostrare le cose dal nostro punto di vista che è diverso da quello di molti (troppi) che non hanno un punto di vista, perché stanno con gli occhi chiusi e sanno solo ripetere le parole (spesso cariche di odio) di altri.
Lo abbiamo fatto perché tacere, a volte, rende complici e noi complici non siamo.
Abbiamo parlato perché chi ha il coraggio di dire ha anche il coraggio di fare.
E perché chi sta zitto spesso piega la testa e subisce.
Non tutte le parole che abbiamo pubblicato qui sono nostre: molte provengono da altre penne, da altre voci, ma le abbiamo ospitate per dare loro un pubblico in più a cui farle ascoltare, perché, a nostro avviso, ne valeva la pena.
Non tutte le nostre parole sono state accolte nello stesso modo. Siamo, infatti (e come è ovvio), stati ascoltati in modo alterno: alcune nostri post sono stati letti qualche migliaio di volte, altri poche decine.
Abbiamo, però, ascoltato tutti con lo stesso interesse e la medesima attenzione e a tutti abbiamo risposto.
Grazie a tutti coloro che portano qui le loro parole. Con loro noi vogliamo continuare a parlare.