Perché non andrò al #milanopride 2014

L’anno scorso ho partecipato al Pride milanese (leggi il resoconto).
Una Parata che si è svolta senza musica e senza carri.
Che tristezza! 
Più che una Parata per la rivendicazione dei diritti LGBT (tra i quali, essenziale per una parata, c’è il diritto alla visibilità della diversità), il corteo mi ha ricordato una processione. Una processione senza santi… 
Anche quest’anno è stato annunciato sul sito del Milano Pride l’assenza dei carri e della musica.
Bene. Non ci sarò. Passo la mano!

In bocca al lupo lo stesso!