Gender | La Rivoluzione

Lo stesso titolo per due prodotti che si completano l’un l’altro

I gemelli Caleb ed Emmie
I gemelli Caleb ed Emmie Smith
alla nascita entrambi maschi
Dal 3 gennaio di quest’anno il “National Geographic” ha diffuso in edicola un numero monografico speciale dal titolo Gender. La rivoluzione.
Il 31 gennaio, sul canale del National Geographic è stato trasmesso il documentario di 90 minuti a firma della giornalista statunitense Katie Couric dal titolo Gender, la rivoluzione che, ora, è disponibile nelle edicole in DVD.

I due prodotti (il mensile e il documentario), a parere di chi scrive, hanno il medesimo titolo (anche se uno mette un punto tra gender e rivoluzione e l’altro una virgola), in quanto si completano l’un l’altro.
Infatti, pur essendo due prodotti che possono essere pienamente fruiti separatamente (e non è un caso che sono stati distribuiti nelle edicole in due momenti distinti); essi, uniti, diventano un vero e proprio strumento indispensabile per quanti vogliano capire a fondo e senza preconcetti la “questione gender”.
Due prodotti non pensati in modo specifico per un pubblico di persone GLBT, ma per quel pubblico affezionato e curioso di lettori e spettatori del “National Geographic” che desidera approfondire l’argomento.
Ecco, allora, ad esempio, la ragione per la quale, in entrambi i prodotti, vi è una “premessa terminologica” atta a far prendere confidenza i non addetti ai lavori con espressioni come “orientamento sessuale” o “identità di genere”...

Il mensile

Gender. La rivoluzione
Il mensile, i cui articoli sono corredati da magnifiche fotografie, affronta diffusamente non solo la questione del genere e della transessualità, ma anche quella relativa all'orientamento sessuale e al binarismo di genere, non mancando, in pieno stile “National Geographic”, di verificare cosa voglia dire, in varie parti del mondo, essere maschi o femmine o cosa prevedono i “riti di passaggio”.

Il DVD

Gender, la rivoluzione
Il documentario, invece, si focalizza quasi esclusivamente sull'identità e la fluidità di genere, sull'intersessualità e la transessualità con una serie di interviste a medici, scienziati, esperti del settore, persone transgender, genitori di minori transgender, partner di persone transgender, persone che dichiarano di sentirsi gender fluid e persone cisgender a volte decisamente transfobiche.
Il tutto analizzando quelli che sono gli aspetti scientifici, politici e culturali della questione, non nascondendo una vera e propria empatia nei confronti delle persone intersessuali, transgender o gender fluid.

Per capire la Rivoluzione

Vale la pena, dunque, procurarsi entrambi i prodotti, per avere una visione il più possibile completa di quella che è una vera e propria “rivoluzione” in atto sia per quanto riguarda l’identità di genere e sia per quanto attiene l’orientamento sessuale.
E non è un caso che, sia nel mensile, sia nell'inchiesta giornalistica, è stato dato ampio spazio ai giovani e giovanissimi che, di questa “rivoluzione” (ma, forse, sarebbe meglio parlare di evoluzione), sono i principali artefici e protagonisti.