Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2010

Al Gay Pride per i diritti

Ieri al Gay Pride di Milano ho intervistato Aurelio Mancuso e Franco Grillini chiedendo loro la ragione per la quale, oggi, bisogna partecipare a tali manifestazioni.

Europa gaia

La legislazione europea per i diritti delle persone GLBT viaggia a ritmi molto diversi. Ci sono paesi, specie nel Nord Europa  (e in Spagna), dove le persone omosessuali hanno pari diritti, mentre paesi in cui non ne hanno alcuno. La ILGA Europa ha pubblicato la classifica europea, dando un punteggio agli stati europei in base alla loro legislazione. A seconda di quanto fatto (o non fatto) a favore delle persone omosessuali, si ottiene un punteggio diverso che può andare da -4 (il minimo) a +10 (il massimo).
Si ottengono punti positivi se: La legge protegge da discriminazioni dovute a causa del proprio orientamento sessualeSono riconosciute le unioni tra persone delle stesso sessoVengono riconosciuti gli stessi diritti ai coniugi omosessualiL’omofobia è riconosciuta come un crimine.La classifica non tiene conto della legislazione specifica per le persone transessuali o intersessuali. In testa alla classifica la virtuosa Svezia (che ha raggiunto tutti gli obiettivi), in coda la Russia e l…