Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2015

Interrogare gli omofobi

Nel suo nuovo libro edito da Laterza, "Il matrimonio omosessuale è contro natura" (Falso!), la filosofa Nicla Vassallo rivolge “socraticamente” alcune domande a quegli omofobi che si dicono contrari al matrimonio same-sex. Partendo dalle loro note posizioni in materia, quelle che, a loro avviso, spiegherebbero perché sia giusto vietare il diritto di sposarsi alle coppie formate da individui del medesimo sesso, la Vassallo, con rigore e ragionevolezza, chiede conto proprio di tali posizioni. Chiede, con le sue domande a volte banali, altre provocatorie, di spiegare il perché di certe affermazioni. Chiede di ragionare assieme e di andare oltre il pregiudizio.  La Vassallo, infatti, è sicura che, una volta caduti i pregiudizi, non sia più possibile, agli omofobi, opporsi al matrimonio same-sex.

Un trattato sull'omofobia interiorizzata

Zamel di Franco Buffoni è un libro uscito nel 2009 da Marcos y Marcos. Se lo si considera un romanzo in senso stretto, esso sembra non essere pienamente riuscito. Infatti, la storia dovrebbe raccontare, in un lungo flash back, le ragioni per le quali Aldo è stato assassinato dal suo giovane amante magrebino. Ma, in realtà, solo marginalmente Buffoni racconta tale storia; e la ragione sta nel fatto che l’Autore non ha scritto un romanzo. Zamel, infatti, potrebbe essere meglio definito come un trattato in forma dialogica. I due interlocutori del dialogo sono Aldo, una checca che ha interiorizzato l’omofobia di cui è stata vitttima ed Edo, un militante omosessuale che tenta di mostrare ad Aldo che un altro modo di vivere da omosessuali è possibile.
Aldo è checca in quanto si sente profondamente donna e si eccita solo se è convinto che il partner occasionale con cui si intrattiene sia “un vero maschio”, ossia un uomo sposato, con figli e che lo considera una femmina di facile costumi. Per tale…