Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2016

Gay Berlin

Gli appassionati di Storia del movimento omosessuale non potranno non leggere Gay Berlin di Robert Beachy edito in Italia da Bompiani. Si tratta di un gran bel saggio che ricostruisce dettagliatamente la nascita, lo sviluppo e la disgregazione (causata dall’ascesa del nazismo) di quella che fu la prima comunità omosessuale della storia moderna: quella berlinese. Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento Berlino fu una vera e propria capitale mondiale dell’omosessualità (tanto da essere definita, dai detrattori, una novella Sodoma).  Una città ricca di locali di intrattenimento per persone omosessuali; di editoria di settore; di attivisti a favore della riforma della legislazione corrente che, con il famigerato Paragrafo 175, sanzionava i rapporti sessuali tra adulti omosessuali consenzienti; di turisti sessuali provenienti da vari paesi del mondo (soprattutto Gran Bretagna e Stati Uniti) e di giovani e meno giovani disposti a vendere il proprio corpo a persone omosessuali.

Presentazione de Il Simposio

Il Simposio parla di arti visive, società, cultura, letteratura, politica, diritti, identità di genere, storia, cinema, teatro, filosofia, musica, saggistica e tanti altri argomenti, coinvolgendo, come in un simposio di ellenica memoria in uno spirito di convivialità e di dialogo costruttivo e di crescita, persone intente a considerare l'importanza di discorrere sulla nostra contemporaneità.  Vi aspettiamo tutti sabato 26 novembre alle ore 17 presso il Circolo Culturale TBGL, Harvey Milk, nella sede Guado di Via Soperga 36, Milano.

La fotografia rinascimentale di Troy Schooneman

Su Instagram è possibile ammirare il lavoro del fotografo australiano Troy Schooneman. Si tratta di un fotografo fortemente influenzato dall'arte italiana: pitture e sculture rinascimentali; artisti come Michelangelo e Caravaggio; soggetti dell’arte figurativa religiosa. I suoi ritratti richiamano in modo palese le pose, i gesti, i temi dell’arte italiana Cinque e Seicentesca, senza mai essere delle copie banali degli originali ai quali si ispirano. Anzi, gli scatti di Schooneman sono assolutamente personali e riconoscibili e l’ispirazione pittorica diventa nelle sue fotografie stile personalissimo. Sono ritratti maschili, dalla carica fortemente omoerotica, che sembrano pitture, più che fotografie. I suoi modelli sono belli e prestanti, ma, soprattutto, hanno un’espressività intensa, fortemente evocativa. I ritratti di Troy Schooneman, proprio per la pittoricità di cui si è detto, per lo stile personalissimo e l’espressività dei modelli, potrebbero essere dei dipinti rinascimentali deg…