Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2011

A scuola e in famiglia

Antonella Montano ed Elda Andriola hanno scritto una “guida per l'educazione” davvero importante e di grande valore: Parlare di omosessualità a scuola, edito da Erickson. Si tratta di un volume diviso in due: la prima parte è più teorica e di inquadramento generale: mentre la seconda è più operativa e offre agli insegnanti una serie di “schede” contenenti spunti di lavoro da svolgere in classe con i propri allievi. L'intento della guida è quello di far conoscere l'universo omosessuale a insegnanti, studenti e genitori, al fine di favorire l'integrazione delle persone omosessuali, specie di quelle adolescenti che, in ragione della loro giovane età, sono le più fragili vittime dell'omofobia e del bullismo omofobico. Un saggio, quindi, che spiega agli eterosessuali cosa significhi per un/a giovane scoprirsi omosessuale e dover fronteggiare il “modello unico” che la società etero-sessista vuole imporre a chiunque tramite lo stigma sociale e i pregiudizi che colpiscono l&#…

Domande da non fare ai gay

Discriminare i gay non è legale

Martha C. Nussbaum con Disgusto e umanità. L’orientamento sessuale di fronte alla legge edito in Italia da ilSaggiatore, analizza la legislazione statunitense, affermando che le leggi che finora hanno discriminato le persone GLBT sulla base del loro orientamento sessuale sono anticostituzionali. Infatti, tali leggi discriminatorie sono lontane da quanto afferma la Costituzione degli Stati Uniti perché negano uguali diritti a un gruppo di cittadini e, ciò facendo, impedendo a tali cittadini di essere felici (che è uno degli obiettivi che ogni cittadino statunitense ha il diritto costituzionale di perseguire).   La studiosa (eterosessuale) argomenta che tali leggi discriminatorie nei confronti delle persone GLBT sono state promulgate sull’onda di una persistente campagna d’odio fondata sul disgusto che, in definitiva, è “un rifiuto fondamentale della piena umanità dell’altro”. Un rifiuto irrazionale, ovviamente, che vuole le persone GLBT capaci, con i loro comportamenti, di “contaminare” …

Un tag per le news LGBT italiane

Da oggi i nostri tweet avranno il seguente tag: #LGBT_it (scritto anche tutto minuscolo o tutto maiuscolo, l’importante è che il trattino sia quello “basso”).
L’idea è di rendere più visibili i tweet che hanno tematiche LGBT e siano scritti in italiano o riguardino avvenimenti e notizie italiane.