domenica 15 gennaio 2017

"L'Altro Martedì" ricorda Alessandro Rizzo

Danilo Ruocco e Alessandro Rizzo


L'Altro Martedì 17 gennaio 2017
Dalle 20.30 alle 21.30
Radio Popolare, 107,6 MHz
conduce Eleonora Dall'Ovo

Nel corso della prossima puntata della storica trasmissione di Radio Popolare L'Altro Martedì condotta da Eleonora Dall'Ovo, Danilo Ruocco ricorderà Alessandro Rizzo, collaboratore di Parole GLBT, co-fondatore de Il Simposio e vicepresidente del Circolo Culturale TBGL Harvey Milk di Milano. 

venerdì 13 gennaio 2017

La Sessualità è di tutti

A farci caso si nota che a parlare di Sessualità umana sono chiamati religiosi; medici e psicologi; giuristi e criminologi; antropologi e biologi e, anche, filosofi.
A lasciare il discorso sulla Sessualità solo ai religiosi e agli esperti ora elencati, però, si rischia di averne una visione parziale o, peggio, distorta.
Infatti, la Sessualità non è un peccato; non una malattia; né un crimine. 
Non è neppure un mero dato culturale o fisiologico. 
Men che meno un sistema di pensiero.
La Sessualità è un aspetto fondamentale della vita di ogni individuo e ognuno dovrebbe sentirsi in grado di poterne parlare liberamente, in quanto ognuno ne ha una.

mercoledì 11 gennaio 2017

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori.
Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa.
Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione.
Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui.
Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe.
Alessandro era nato il 7 novembre 1977.
R.I.P. Alessandro.

giovedì 15 dicembre 2016

Insulti in divenire

Trans. Storie di ragazze XY edito da Mursia è “l’autobiografia aumentata” di Monica Romano: ossia l’Autrice, nel raccontare la propria vicenda biografica, ha fatto ricorso anche alle vite e ai pensieri delle sue amiche, aumentando, in tal modo, il proprio vissuto, già ricco di suo.
Ne risulta una storia davvero interessante capace di coinvolgere il lettore con una narrazione dai ritmi serrati e un linguaggio spedito che, assieme alla vita della protagonista, racconta, a sommi capi, anche i progressi di chi le sta accanto e l’evoluzione della società italiana dalla seconda metà degli anni Ottanta del Novecento ad oggi.

domenica 11 dicembre 2016

Simone e Rocco a un passo dall'incesto


Arriva in edicola il DVD di Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti.
Si tratta della versione restaurata nel 2015 e reintegrata delle due sequenze che erano state censurate dopo la proiezione al Festival del Cinema di Venezia del 1960 (dove la pellicola vinse il Leone d’argento).

Va detto che, visto oggi, il film soffre di certe lungaggini dovute all'intento di Visconti di descrivere il cambiamento epocale vissuto dagli italiani in quegli anni: da società agricola, l’Italia, infatti, stava diventando una delle più industrializzate potenze del mondo. Una trasformazione che coinvolse tutti gli strati della società.
Proprio nel suo aspetto “sociologico” il film pare un po’ lento e a tratti perfino bozzettistico. 
Alcuni personaggi, poi, da tragici quali dovevano essere nelle intenzioni del regista, risultano, oggi, addirittura macchiettistici, come quello della madre dei cinque fratelli Parondi, la cui parte fu affidata alla grande attrice di Tragedie greche Katina Paxinou.