Post

I queer londinesi nella Storia

Queer city di Peter Ackroyd edito in Italia da SEM ricostruisce la storia dei queer a Londra dal periodo celtico e pre-romano fino ai giorni nostri. L’autore usa volutamente una “parola ombrello” come queer per indicare omosessuali, lesbiche, bisessuali, travestiti d’ambo i sessi e transgender in quanto, come ben dimostra nel suo saggio, la sessualità, per secoli, è stata non solo “fluida”, ma anche di difficile definizione, anche in ragione del fatto che, per lungo tempo, gli atti sessuali non avevano valore identitario. In altre parole, si andava a letto con persone del proprio stesso sesso, senza per questo percepirsi come omosessuali o lesbiche.
La lettura del saggio è decisamente interessante, istruttiva e piacevole, grazie alle note capacità divulgative dell’autore che, da molti, è ritenuto uno dei più importanti scrittori inglesi viventi. Il lettore può, senza alcuna difficoltà, immergersi nella vita quotidiana di una capitale europea importante come è sempre stata Londra e - acco…

Bergamo risponde alla chiamata del Pride

Quando l'Amore bussa alla porta

Il ragazzo che si innamorò del maturo Tennessee Williams

Morire per un bacio

Uomini vittime di molestie

Due modi di essere diversi | Chiamami col tuo nome

Scoprire se stessi | Chiamami col tuo nome

Rosa maschio | Il gender e i colori

Lord Byron svelato da Buffoni

No-gender vs gender studies | Ecco tutto quello che non sai

Ecco chi dovrebbe leggere Mario Mieli

Mapplethorpe e l'eccesso