Post

Il corpo

Immagine
In poche parole cosa è e cosa non è il corpo...

Il passato è sempre presente

Immagine
Ragazzo, uomo e nemo di Damiano Dario Ghiglino è un romanzo che si “ascolta” con avidità. Si “ascolta” in quanto è scritto come fosse una conversazione: il racconto non si snoda in ordine cronologico, ma, proprio come avviene in una conversazione informale, salta da un passato all’altro, per fermarsi brevemente sul presente e fare una capatina veloce nel futuro. Passati, quelli descritti nel romanzo, con i quali il protagonista Eric fa costantemente i conti, anche se pensa di esserseli lasciati alle spalle fuggendo dal paesello natio e di riuscire a lasciarseli alle spalle ogni qual volta parte (o fugge?) da un luogo in cui ha vissuto per qualche tempo al fianco di un ragazzo bello e “problematico”, per ritrovarsi in altri luoghi in cui vivrà per un’altra manciata di mesi/anni, ma sempre con la medesima precarietà esistenziale e ugualmente al fianco di ragazzi “al limite”. Precarietà dovuta, forse, al tentativo, mai concluso, di esorcizzare il passato, scrivendone. Ma proprio l’atto

Caro Babbo Natale, questo giro tocca a te!

Immagine
 

Parole GLBT compie 10 anni

Immagine
Il primo post di questo sito data 16.12.2010. Oggi, quindi, sono 10 anni che Parole GLBT è  online .  Un traguardo di tutto rispetto che merita una piccola celebrazione e un’altrettanto piccola riflessione.     In questi anni - come scrivevo a proposito dei 18 anni del mio sito personale - le nostre vite sono cambiate radicalmente e, inevitabilmente, sono mutati i nostri interessi, i nostri obiettivi e il nostro modo di stare online. In questi 10 anni di vita, Parole GLBT è cambiato a volte assai velocemente e radicalmente:  da sito collaborativo è diventato un blog a voce singola (la mia); e si è, via via, concentrato su alcuni argomenti. Se i cambiamenti hanno impoverito il blog sia per quanto riguarda i contenuti, e sia per quanto riguarda la molteplicità dei punti di vista, va detto, però, che Parole GLBT ne ha guadagnato in chiarezza, diventando un sito di “attivismo culturale e sessuale” . Un luogo, cioè, dove la Cultura non è vissuta come qualcosa per pochi ma, soprattutto, u

La verità di una coppia perfetta

Immagine
Una coppia perfetta. L’amore al tempo di Grindr di Mariano Lamberti è un romanzo profondamente vero . E lo è non tanto e non solo per gli squarci realistici che si presentano qui e là provenienti direttamente dal mondo delle app di dating , ma per la descrizione approfondita di un rapporto di coppia.  Una relazione amorosa tra un Master e uno slave. Una coppia perfetta, ma lontana dallo stereotipo pubblicitario. Marco è un Top virile, attivo e dominante.  Alex un sub passivo e remissivo. Si incontrano per caso e si scelgono. Marco tradisce Alex «con metodica assiduità», preferibilmente con ragazzi asiatici depilati e docili come novelle geisha . Alex finge di non essere geloso, ma, in realtà, cova risentimenti che finiranno per sfociare in un silenzioso abbandono del tetto coniugale. Marco crolla, mentre Alex, sulle prime, sembra rinascere… La verità del romanzo sta nel descrivere minuziosamente le dinamiche relazionali tra un Top e il suo sub. Dinamiche nelle quali il sub sembra sem

Max disagiato con la paura di amare

Immagine
Al centro del romanzo La vita nascosta del tempo presente di Mariano Lamberti c’è Max, un uomo che vive un disagio profondo che gli impedisce di abbandonarsi all’amore. Un egocentrico anaffettivo sul quale si riversano, come una condanna, dolori e disagi del padre e del nonno, morti entrambi da tempo. Quel tempo passato e brutale che vive nascostamente nel tempo presente, rendendo Max incapace di vivere. Il romanzo racconta in parallelo non solo - come detto - il presente di Max (che scorre inesorabile), ma anche il tragico passato di suo nonno e quello assai breve del padre. Passati con i quali Max non ha avuto il tempo - e, forse, la voglia - di fare i conti. Passati che si ripresentano puntuali ogni qual volta Max tenta di abbandonarsi all’amore e ai suoi progetti artistici. Passati che lo inchiodano a una vita da piccolo borghese, ossessionato dai soldi e divorato dai sensi di colpa, perché sostanzialmente incapace di comprendere la ritualità liberatoria del sesso sadomaso tra uom