Passa ai contenuti principali

Un trattato sull'omofobia interiorizzata

Zamel di Franco Buffoni è un libro uscito nel 2009 da Marcos y Marcos.
Se lo si considera un romanzo in senso stretto, esso sembra non essere pienamente riuscito. Infatti, la storia dovrebbe raccontare, in un lungo flash back, le ragioni per le quali Aldo è stato assassinato dal suo giovane amante magrebino.
Ma, in realtà, solo marginalmente Buffoni racconta tale storia; e la ragione sta nel fatto che l’Autore non ha scritto un romanzo.
Zamel, infatti, potrebbe essere meglio definito come un trattato in forma dialogica.
I due interlocutori del dialogo sono Aldo, una checca che ha interiorizzato l’omofobia di cui è stata vitttima ed Edo, un militante omosessuale che tenta di mostrare ad Aldo che un altro modo di vivere da omosessuali è possibile.

Aldo è checca in quanto si sente profondamente donna e si eccita solo se è convinto che il partner occasionale con cui si intrattiene sia “un vero maschio”, ossia un uomo sposato, con figli e che lo considera una femmina di facile costumi. Per tale motivo, Aldo si è trasferito in Tunisia dove è sicuro di trovare solo maschi di tal fatta.
Edo, invece, è un omosessuale che tenta di mostrare ad Aldo che le sue convinzioni su se stesso e su gli altri sono frutto di anni di omofobia interiorizzata che lo hanno portato a convincersi di non essere degno di vivere una relazione alla pari con un altro uomo. Un altro uomo ugualmente omosessuale e liberato. Liberato dall’omofobia. Liberato grazie alla cultura glbt.

Il dialogo tra Aldo ed Edo si sviluppa per diversi giorni sia dal vivo, sia con scambi di lettere e tocca vari argomenti, sempre con l’obiettivo, da parte di Edo, di far giungere Aldo alla consapevolezza che sia possibile affrancarsi dall’omofobia, dall’eterosessismo e dall’eteropatriarcato.
Edo, quindi, mostra ad Aldo i progressi compiuti dalla comunità glbt che hanno portato all’ottenimento di diritti importanti. Gli dimostra come essere una comunità sia necessario per non restare nel ruolo di vittime. Ma Aldo sembra refrattario: a lui non serve far parte di una comunità. Lui è una “ragazza” perfettamente in grado di affascinare i veri maschi. Maschi e non zamel, ossia omosessuali passivi… Maschi che lo usano per scaricarsi e poi tornano alle loro donne…
E quando Aldo conosce un ragazzo che non lo tratta come una checca, ma come un possibile compagno, come un uomo, egli rifiuta di accettare la possibilità di una vita diversa e spinge il giovane a ucciderlo.


Un libro, Zamel di Franco Buffoni, la cui lettura è necessaria, ma in quanto trattato sull’omofobia interiorizzata e non in quanto romanzo.

Zamel è disponibile su Amazon.it

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.