Passa ai contenuti principali

Minimo in tre parte seconda

The dreamers di Bernardo Bertolucci
Ti consiglio di leggere: Minimo in tre
______
Sono sempre più convinto che ci sia bisogno di riformare il contratto matrimoniale. Trovo troppo restrittivo il fatto che tale contratto debba regolare la vita di solo due persone, perché continuo a essere convinto che costringere qualcuno a scegliere di amare una sola persona per volta sia sbagliato.
Nella vita reale generalmente la monogamia non è praticata. Eppure si continua legalmente a tutelare le unioni monogamiche, mentre si lasciano fuori dal matrimonio le unioni non-monogamiche. Nel sistema sociale italiano attuale, invece, una forma di tutela dei rapporti resta essenziale.


Novecento di Bernardo Bertolucci
Trovo, quindi, giusto che la vita di più persone unite da un legame affettivo forte possa essere regolata e protetta da un contratto di tipo matrimoniale, in grado di tutelare sia il nuovo nucleo sociale costituitosi nel suo complesso, sia i suoi componenti individualmente.
In altre parole, tale nuovo tipo di matrimonio dovrebbe prevedere che l’individuo A possa essere sposato contemporaneamente con l’individuo B, ma anche con C se lo ritiene opportuno. Allo stesso tempo, B oltre che coniuge di A può esserlo anche di D, escludendo C, in quanto non ne è innamorato.
Oggi, con il tipo di contratto in vigore, A e B possono unirsi in matrimonio e tutelare la loro unione, mentre C e D sono relegati ai ruoli di amanti, in quanto la loro esistenza, seppur ampiamente accertata, non è contrattualmente prevista.
Mi pare chiaro che non sto disegnando né una poliginia, né una poliandria in quanto in entrambi i casi A può essere in grado di sposare B, C e D ma B, C e D tra loro non sono né coniugi, né hanno individualmente la possibilità di sposare chi vogliono.
Io parlo di un nuovo tipo di matrimonio che, ne sono consapevole, può suscitare molti sorrisi di scherno, ma che, a mente fredda, ha buone opportunità di essere riconosciuto come uno strumento valido a garantire sia l’individuo, sia il nuovo nucleo familiare. Sì, perché di questo si tratta: di una famiglia. Una famiglia diversa da quella di stampo borghese ottocentesco alla quale in Italia siamo abituati, ma non per questo meno famiglia. E sia chiaro che non uso la parola famiglia perché penso che in essa debbano necessariamente crescere dei figli. Uso la parola famiglia, come potrei usare la parola clan se essa non si portasse addosso un carico di significati spesso negativi.
Dunque, a mio avviso, c’è bisogno di rivedere il contratto matrimoniale.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.