Passa ai contenuti principali

Non ci si sposa per ottenere voti in più

Sta facendo discutere l’intervista che Nichi Vendola ha rilasciato a Raffaele Panizza di “Max” (il numero è ora in edicola). Fa parlare soprattutto tale domanda (e relativa risposta):
Arcigay vorrebbe da te un gesto forte. Perché non sposi il tuo compagno?
Per me è già una violenza questo ingresso nella mia vita privata. Non ho mai parlato della mia intimità, e non intendo farlo.
Partendo dalla risposta, alcuni hanno detto che Vendola non è il leader nel quale i gay di sinistra possano sperare per vedersi riconoscere certi diritti, primo fra tutti il diritto al matrimonio.

Va però precisato che Vendola, in tale risposta, non ha affatto dichiarato che i gay non debbano sposarsi, né ha dichiarato che lui stesso non abbia intenzione di sposarsi. Ha semplicemente detto che vive come una violenza il fatto che qualcuno possa chiedergli di sposarsi.
E come dargli torto? Il matrimonio non è un passo da compiere per dare segnali politici, né per fare atti dimostrativi. Il matrimonio è un evento assolutamente privato che coinvolge (nei paesi occidentali) due persone che devono scegliere se sposarsi o no.
Se Vendola dovesse scegliere di sposarsi solo perché il farlo gli porterebbe qualche manciata di voti in più, darebbe prova di essere un mestierante della politica, cosa che non sembra proprio essere. Paradossalmente, se Vendola si sposasse per tranquillizzare i suoi elettori, si comporterebbe come fanno alcuni politici dichiaratamente eterosessuali che si sposano perché il Vaticano difende i valori della famiglia!
Se Vendola si sposasse pensando più ai voti che alla sua felicità, probabilmente perderebbe i voti di quanti vedono in lui una speranza nel cambiamento. In quanti vedono in lui una diversità.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.