Passa ai contenuti principali

Siamo tutti travestiti


L’abito fa il monaco, così come il camice fa il dottore. Questo è un assunto da cui partire: infatti, di fronte a un uomo con camice e stetoscopio che ci chiede di calarci le mutande, noi eseguiamo senza fiatare, cosa che invece non avviene di fronte a un uomo con una tonaca (sempre che, invece, egli non sia il nostro fidanzato).

Cosa segue dalla premessa? Che ognuno di noi quando si veste, in realtà, si traveste, ovvero si abbiglia in modo “consono” a ciò che dovrà rappresentare durante quella giornata o parte di essa. Se dobbiamo rappresentare un uomo in carriera, allora indosseremo un completino più o meno elegante, accompagnato da una cravatta in tinta. Diversamente, se dobbiamo rappresentare un medico, allora indosseremo gli abiti appropriati. Ovvero, in altre parole, a seconda del ruolo che dobbiamo interpretare, indosseremo il “costume di scena” appropriato: in fondo, è tutta una recita che realizziamo per gli altri, per coloro che ci guardano e che incontreremo durante il giorno.

Oltre al ruolo professionale e/o sociale che ognuno di noi è chiamato a interpretare, c’è un altro ruolo che ognuno è obbligato dalla società ad assumere: quello relativo all’identità di genere. In altri termini, un uomo deve rappresentare un maschio e una donna una femmina. In definitiva, l’abito fa (e deve fare) il maschio o la femmina. Ognuno di noi, quindi, quando si veste, indossa capi di abbigliamento che nel paese dove vive sono comunemente associati al proprio sesso di appartenenza. In realtà, se la funzione dell’abito fosse solo quella di difendere il corpo dal freddo e/o di nasconderlo alla vista altrui (coprendone, ad esempio, gli organi genitali) una gonna o un calzone sarebbero indifferenti. Invece, l’abito deve definire dei confini, tracciare delle differenze e, allora, una gonna (nella nostra società) non è simile a un calzone, ma è capo di abbigliamento che va a definire una donna.

Alcune persone scavalcano le differenze di genere e indossano capi di abbigliamento associati al sesso differente dal proprio. Fanno del travestitismo (o crossdressing). Il travestitismo, ovviamente, non va confuso con la transessualità che è cosa assai diversa. In soldoni, si può dire che chi si traveste appartiene psicologicamente al sesso anagrafico, ma ama indossare gli abiti del sesso opposto (ossia il sesso che non gli appartiene). Un transessuale ha, invece, un’identità psicologica differente da quella sessuale registrata all’anagrafe e vuole assumere proprio quella sessualità che sente appartenergli.


Cosa disturba in un travestito? In genere disturba il fatto che chi si traveste dichiara implicitamente un rifiuto: il rifiuto di sottostare a delle regole. Un travestito è, molto spesso inconsapevolmente, un anarchico, un dissidente. È una persona che sconfina. Lo sconfinare è sempre decifrato come una minaccia, un attacco personale. Ecco, in genere, ci si sente minacciati da una persona che si traveste, minacciati personalmente.
Tale minaccia è vissuta – generalmente – in modo molto più forte da chi non vive serenamente la propria identità sessuale, da chi, consapevolmente o inconsapevolmente, non si accetta pienamente per quello che è. Si teme, generalmente, di essere confusi o associati a coloro che sconfinano, di essere annullati da coloro che sconfinano…
Chi, invece, non si sente minacciato da chi sconfina, in genere ottiene un divertimento (nel doppio senso etimologico e letterale del termine) dal travestimento. Non per nulla, il travestimento è una pratica obbligatoria durante certi periodi dell’anno associati a un sovvertimento (ludico) della realtà.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.