Passa ai contenuti principali

Piuttosto che dire un'ovvietà...

In Italia si sente spesso qualche esponente della comunità GLBT dichiarare che in questo o quel settore della vita civile ci sono persone GLBT. Dichiarazioni inutili per la loro ovvietà: è assolutamente lapalissiano che ci siano persone GLBT in tutti, ma proprio tutti, i settori della vita civile (o incivile), dalla magistratura allo sport, dalle forze dell’ordine alla criminalità organizzata, dal giornalismo alla politica...

A chi servono tali ovvie dichiarazioni?

• Alla comunità GLBT? No. Alla comunità GLBT non servono, in quanto tale comunità è assolutamente consapevole del fatto che i suoi esponenti si trovino e vivano in ogni dove.
• Alla comunità eterosessuale? Forse. Forse gli eterosessuali hanno bisogno di sentirsi dire che le persone GLBT esistono. Ma, forse, serve a quegli eterosessuali che vivono in un mondo tutto loro...
• Agli omofobi? No! Gli omofobi già vedono il “pericolo GLBT” ovunque! Loro sanno che le persone GLBT esistono ed è questo che li infastidisce!
• Alle “velate” che non hanno il coraggio di dichiararsi? No e sì. No, se a tali dichiarazioni non segue un coming out da parte di quelle persone GLBT che si sono sentite chiamate in causa dalla dichiarazione stessa (e spiace dire che non segue quasi mai un coming out!). Sì, se alla dichiarazione segue coming out, in quanto potrebbe aiutare “le velate” a fare, a loro volta, coming out.
• A chi fa tali dichiarazioni? Sì, sempre, perché dà loro ampia visibilità, dato il can can mediatico che esse, inspiegabilmente, suscitano.

Tali dichiarazioni inutili per la loro ovvietà servono alla causa GLBT? No, perché senza un nome e un cognome esse potrebbero essere scambiate per insulti, piuttosto che essere vissute come “rivendicazioni” di appartenenza.
In altre parole, dire che tra questo o quel gruppo c'è un numero X di persone GLBT, agli occhi di qualcuno potrebbe sembrare quasi un voler accusare quel gruppo di essere in qualche modo “contaminato” dalla presenza di persone GLBT.
Altra e ben diversa cosa, invece, è dire: la persona XY è gay/lesbica/bisessuale/transessuale e non ha alcun problema a farlo sapere. Questo sì che serve!
In ultima analisi, dati i pro e i contro sopra elencati, ritengo che, se non è possibile fare i nomi e cognomi, piuttosto che dire un'ovvietà, sia preferibile tacere.

Vedi anche: Visibilità.


Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.