Passa ai contenuti principali

Nascondersi per difendersi

Uscito nel 2005 da Playground Geography Club di Brent Hartinger è un libro fresco pensato per un pubblico di adolescenti ai quali, con apparente leggerezza, sottopone tematiche a volte spinose.
Protagonista del romanzo è Russel, studente liceale americano che scopre, diversamente da quanto pensava, di non essere l'unico studente gay della scuola. 
Al pari degli altri ragazzi gay, anche Russel fa di tutto affinché gli altri studenti non scoprano la sua omosessualità e, perciò, nasconde la sua identità: i gay, come tutti i "diversi", sono, infatti, vittime di bullismo e vengono emarginati. 
Per evitare di diventare bersagli del bullismo, Russel e i suoi amici vivono, dunque, nascondendo il loro orientamento sessuale, ma ciò vuol anche dire vivere con il timore che qualcuno possa scoprire la verità su di loro.
La loro tattica prevede di mimetizzarsi e fingersi eterosessuali e arriva al punto di negare che il club che hanno deciso di fondare sia un club gay: lo mascherano, invece, da club dedicato allo studio della Geografia, sicuri che nessuno studente non-gay possa chiedere di farne parte, data la scarsa attrattiva della materia. Ma la loro sicurezza viene meno molto presto: una ragazza eterosessuale, infatti, bussa alla porta della loro aula...
Il libro, come detto, parla di temi poco (o superficialmente) trattati in libri scritti per gli adolescenti: l'accettazione di se stessi e del proprio orientamento sessuale; la pratica del bullismo nelle scuole; il sesso vissuto con leggerezza; l'amicizia tradita; la comprensione dell'altrui disagio...
Il romanzo ha un finale che non concede nulla al facile ottimismo: Russel, infatti, rinuncia alla sua prima relazione, perché il suo ragazzo non è ancora pronto a vivere il loro amore serenamente, ma è ancora terrorizzato da quello che gli altri studenti potrebbero pensare di loro.
Un libro ben scritto di cui si consiglia la lettura.
La storia del processo di accettazione di Russel prosegue in un altro romanzo dell'Autore: L'ordine della Quercia Velenosa




Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Kimera | Donna Dominante

Nella video-intervista Kimera racconta a Danilo Ruocco la sua esperienza di donna dominante che, in un decennio, l'ha vista attiva sulla scena BDSM soprattutto come mistress di uomini sottomessi, ma anche di donne sottomesse.