Passa ai contenuti principali

Seghe in compagnia


“Ciò che io facevo con e per lui non è mai stato lontanamente paragonabile ad una sterile classificazione medico-cattolica o psico-sessualoide”
“Adesso lo capisco Vittorio. Del resto quanti sono i ragazzini che a quattordici anni si fanno seghe insieme, o tra cugini, eppure mica diventano tutti gay?”
(Luca Grandelis, Ho riscritto per te il destino, p. 119).



L’esperienza della masturbazione collettiva è abbastanza comune tra gli adolescenti maschi.
Ai miei tempi, capitava di vedere qualche filmetto porno con gli amici e, inevitabilmente, si finiva per dare sfogo alla propria eccitazione sessuale.
Non era questione di etero, bi o omosessualità. Erano, credo, gli ormoni che spadroneggiavano... 
Una fase della crescita...

Oggi che sono un adulto, mi chiedo (e chiedo a chi lo sa) se si verifichi con una certa frequenza che dei maschi eterosessuali adulti si ritrovino tra loro per dar sfogo collettivamente alle loro pulsioni autoerotiche, senza che esse si trasformino in sesso omosessuale.

Una pratica esperita con una certa frequenza durante l’età adolescenziale davvero viene abbandonata e mai più messa in azione in età adulta?
Perché? Perché non se ne sente più il bisogno o perché si ha paura che da autoerotismo si trasformi in qualcosa d’altro?
E a livello di fantasia? La masturbazione in compagnia entra nelle fantasie dei maschi adulti eterosessuali?

Commenti

  1. Sai che non mi sono mai masturbato con altri che non fossero partners sessuali? crrdo che mi vergognerei di farlo con... amici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la tua testimonianza. Non mi era venuto in mente che ci si potesse vergognare a fare certe cose con i propri amici. In effetti, credo, che la vergogna a mostrarsi possa essere uno dei freni più comuni, specie in età adolescenziale, durante la quale le insicurezze su di sé e il proprio corpo sono (o dovrebbero) essere maggiori rispetto all'età adulta.

      Elimina
    2. Tante cose che si fanno in adolescenza poi si lasciano cadere ... alcune diventano parte di te altre no: sperimentiamo tante cose per poi concentrarsi su alcune che sono più "congeniali a noi" o che, integrando anche con la nostra riflessione-valori-scelte-progetti, scegliamo come più utili o importanti.

      Sulla cosa specifica se ci sono adulti etero che continuano, nella realtà o nelle fantasie, ... mi vien da dire che una riflessione chiara su questo richiederebbe prima di aver davvero sdoganato e liberato l'omosessualità. Ancora troppe le persone che reprimono o negano ... troppa quindi la confusione.

      così .. a caldo!

      Giorgio

      Elimina
    3. Ciao Giorgio,
      ti va di specificare meglio quando dici "richiederebbe prima di aver davvero sdoganato e liberato l'omosessualità"? Intendi, forse, che la masturbazione collettiva (s)confina necessariamente con/nella omosessualità? O cosa?
      Ciao
      Danilo

      Elimina

Posta un commento

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…