Passa ai contenuti principali

L'omofobia interiorizzata dei machi cubani

Machi di carta  di Alejandro Torreguitart Ruiz edito da Stampa Alternativa Nuovi Equilibri nel 2003 è un bel romanzo breve, intenso e veloce come la vita di un ventenne.
La storia è quella del giovane Maicol, omosessuale cubano che ha deciso di vivere la sua vita senza nascondersi. Tale decisione lo farà scontrare contro il muro di omofobia eretto dai maschi cubani, machi per amor di Patria: eterosessuali a parole ma, in realtà, omosessuali repressi (e per questo omofobi).
Sono molti, tanti e, forse, troppi, gli uomini cubani ai quali l’adolescente protagonista del romanzo offre il suo giovane corpo. Uomini che non ammettono di provare attrazione fisica per un ragazzo effeminato (che, spesso, si traveste) e che, forse anche per questo, agiscono con lui un sesso violento, sfrenato e pericoloso (che al masochista Maicol comunque dà piacere).
Un atto sessuale che è una parentesi nella loro vita di “specchiati” machi cubani omofobi e che chiudono, per solito, pestando a sangue chi quella parentesi ha aperto (ossia, Maicol stesso). Pestaggi che dovrebbero punire l’omosessuale dichiarato e convincerlo a tornare sulla giusta strada: quella del bravo maschio cubano, eterosesssuale fino al midollo, fino a quando non si trova davanti un adolescente promiscuo e consenziente...
Maicol è consapevole dei rischi che corre. Sa che i pestaggi sono sempre possibili e quasi si stupisce quando incontra qualcuno che non pensa solo a fargli violenza (sessuale e fisica), ma che, durante il rapporto sessuale, si preoccupa anche del suo godimento.
Sono tanti - si è detto - gli uomini con i quali Maicol va a letto e di ognuno di loro nel libro c’è una descrizione (sommaria) e il resoconto (a volte) dettagliato di quello che ha fatto con lui. Un romanzo, dunque, erotico o scabroso, a seconda dei punti di vista.
Un romanzo, ad ogni modo, “fresco”, che bene racconta della voglia di vita del protagonista, ma, soprattutto, “vero”, nel quale la realtà asfittica e omofoba di Cuba emerge senza ombre e senza paure di ritorsioni o censure: Maicol, infatti, si è trasferito in Italia per seguire Luca, un uomo italiano conosciuto all’Avana e del quale si è innamorato; ed è in Italia che scrive i suoi ricordi. Quella Italia che non capisce appieno, specie per come affronta i diritti degli omosessuali, ma che, comunque, gli dà - a differenza della sua Patria - la possibilità di essere se stesso alla luce del sole.
Un romanzo di cui si consiglia la lettura.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.