Passa ai contenuti principali

Tennessee Williams anno per anno

Maria Letizia Colacchia in Ciao Tennessee ricostruisce la biografia del grande Tennessee Williams in forma di cronologia.
Si tratta di un libro di facile lettura; dettagliato sia per quanto riguarda i dati biografici, sia per quelli relativi alle opere (dalla redazione alle realizzazione) di colui che può a buon diritto essere considerato uno dei più grandi autori di teatro del Novecento.
Accanto agli accadimenti, nel libro della Colacchia appaiono (sapientemente impaginate) le foto che ritraggono Williams o i celebri attori che portarono sulle scene o sugli schermi testi celeberrimi come Zoo di vetro; Un tram che si chiama Desiderio; Improvvisamente l’estate scorsa; La gatta sul tetto che scotta; La rosa tatuata...
Completano il volume materiali d’archivio di varia natura; ampie citazioni dai testi di Williams; interviste ad attori italiani appositamente realizzate dalla Saggista; stralci di interviste d’epoca a Williams.
Nel libro la Saggista è attenta ai difficili rapporti familiari del grande Autore che molto influirono sia sulla di lui instabile salute mentale, sia sulla sua produzione artistica, essendo fonte di molte sue storie.
Storie, quelle di Williams, che affrontano il tema della diversità sotto diversi aspetti. Di lui, in un’intervista per “Playboy” del 1973, si disse che nelle sue commedie aveva parlato di «ninfomania, promiscuità, stupro, alcolismo, impotenza, omosessualità, depravazione, frigidità, pedofilia» in un periodo che va dagli Anni Quaranta ai primi Anni Ottanta (Williams spira nel 1983) in cui trattare tali tematiche non era certo facile (tanto che la scure della censura si abbattè più di una volta sui testi dell’Autore).
Testi, i suoi, in cui il “diverso” è colui che non è compreso dalla società, anche se spesso in lui (ma sarebbe meglio dire “lei”, dato la stupefacente carrellata di magnifici personaggi femminili creati da Williams) alberga la poesia, il sogno di una vita da vivere in modo differente.
Nel libro, la Saggista non manca di segnalare i nomi dei vari compagni di Williams e le date di inizio e di fine delle diverse relazioni. Tra esse spicca quella con il compagno di una vita: Frank Merlo. La loro storia (abbastanza travagliata anche a causa dei problemi psichici, di tossicodipendenza e di alcolismo di Williams) ebbe inizio più o meno nel 1947 e si concluse solo con la morte di Merlo che nel 1963 fu stroncato da un cancro ai polmoni. Una morte che fu un colpo durissimo per Williams, anche perché, per sua stessa ammissione, Frank gli aveva fatto apprezzare la vita, la realtà.
Infine, il libro della Colacchia, edito nel 2005 da Edizioni Interculturali, dà conto del rapporto speciale che legò Williams all’Italia (a Roma in particolare, città che l’Autore amò profondamente) e ad Anna Magnani, attrice di due sue opere e amica vera.
Un volume che si fa leggere e guardare con piacevolezza.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…