Passa ai contenuti principali

I diritti civili non devono venire dal Papa ma dal Parlamento

Colgo l’occasione dell’avvenuta elezione del nuovo pontefice per ricordare ai cittadini italiani che i diritti civili non devono essere concessi dal papa, ma devono essere legiferati dal Parlamento italiano, l’unico organo preposto a emanare leggi che regolino la vita civile all’interno dello Stato italiano che, ricordo, è uno Stato laico.
Ciò vuol dire che, pur sperando per il bene dei fedeli cattolici che papa Francesco I sia più illuminato e più in linea con il moderno sentire dei suoi correligionari di quanto non siano stati papi retrogradi come Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, i cittadini italiani non a lui devono chiedere l’aggiornamento legislativo di cui sentono la necessità, ma ai parlamentari che hanno appena eletto.
Infatti, si tratta di ottenere dei diritti e non di chiedere l’assoluzione da dei peccati!

Commenti

  1. Ecco bravo, ricordalo ai nostri confratelli/consorelle avulsi dalla politica sculettanti sui cubi di tutte le discoteche. Secondo me la nostra situazione, con un papa gesuita e forse coinvolto in ambigui rapporti coi militari durante la dittatura nel suo paese, può anche peggiorare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La semplice equazione tra divertimento = disimpegno politico / impegno politico = monachesimo conventuale non mi convince, specie se si parla di Movimento Glbt che ha sempre usato i luoghi di svago per diffondere e far conoscere le proprie istanze.

      Elimina
  2. Commento paternalista e fuori luogo infatti. Si può sculettare e fare politica, prima o dopo lo sculettamento.

    il provincialismo di tutti e tutte che accolgono con entusiasmo il capo di una religione sadica che fa bere ai propri e alle proprie fedeli il sangue e mangiare il corpo del figlio del proprio dio e poi viene a insegnare a chi non abbraccia quella fede l'amore e la pace la dice lunga sulla corruzione del senso di impegno politico che ci ha colpito a tutti e a tutte. Il vaticano è i male assoluto quello che impone dio contro la scienza contro le staminali contro le famiglie etero non sposate.

    Poi certo qualcosa di buono Francesco lo farà. D'altronde anche Hitler era vegetariano...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Kimera | Donna Dominante

Nella video-intervista Kimera racconta a Danilo Ruocco la sua esperienza di donna dominante che, in un decennio, l'ha vista attiva sulla scena BDSM soprattutto come mistress di uomini sottomessi, ma anche di donne sottomesse.