Passa ai contenuti principali

La pazzia di re Ludwig

Ludwig II di Baviera
Stampato ad Amsterdam nel 1937, la Finestra con le sbarre di Klaus Mann (1906 - 1949) racconta (in forma romanzata) gli ultimi due giorni di vita di Ludwig II di Baviera.
Il sovrano, in preda alla follia, tenta di mettere ordine nella sua mente nel tentativo disperato di capire come sia stato possibile che i medici abbiano potuto dichiararlo pazzo, detronizzarlo e rinchiuderlo in una stanza di uno dei suoi castelli. Stanza alla quale sono state messe delle sbarre alle finestre...
Nel ricordare caotico e frammentario, il sovrano passa dall'identificarsi con il Re Sole, al credersi il Lohengrin protagonista di una delle opere del suo amato Wagner.
Wagner di cui è stato munifico mecenate e "discepolo" e che, soprattutto, ha amato profondamente. Un amore che il sovrano, nel ricordo, non confina nella sfera puramente spirituale, ma definisce con tali parole: "Come la femmina ama il maschio, così amai Wagner".
Una dedizione, quella di Ludwig per Wagner che causò al sovrano più di un pubblico sberleffo, per quanto era smaccatamente equivoca...
Ma Wagner non fu all'altezza degli onori tributatigli da Ludwig e finì per tradirlo, causando al sovrano un dolore dal quale non riuscì più a guarire.
Un nuovo tradimento Ludwig dovette soffrire da un altro uomo amato (forse soprattutto fisicamente): il giovane attore Joseph Kainz che, raggiunto il successo sotto l'ala protettiva del sovrano, preferì allontanarsene, anteponendo la propria carriera al re.
Ludwig, nel suo tentativo di sistemare i fatti importanti della sua vita, quelli che possono avere, in qualche modo, minato il suo equilibrio mentale, ricorda anche il suo amore, ricambiato ma mai consumato, per la cugina Elisabeth: un amore che sarebbe potuto essere perfetto e felice. Ma il  destino aveva, per entrambi,  piani assai diversi...
E, infine, Ludwig, in preda al  delirio, imputa ai molti amori omosessuali vissuti occasionalmente la ragione per la quale Dio ha voluto punirlo con la follia e la detronizzazione. Amori, "vergognosi peccati", vissuti segretamente e di cui fu testimone soltanto Dio, al quale il sovrano si rivolge in preghiera chiedendogli di liberarlo della vita.
Nel suo ragionare caotico e inconcludente, Ludwig pianifica anche una via d'uscita dalla sua attuale degradante condizione. Strategia che, frammista al desiderio di morte, egli tenta di attuare, finendo col morire per annegamento (non si sa se per errore o per scelta).
Un racconto, quello di Mann, edito in Italia da SE nel 2003, davvero molto ben scritto, documentato (per quanto romanzato, specie nel finale post mortem di Ludwig) e assai bello che merita di essere letto con attenzione.
Il volumetto dell'edizione in lingua italiana è arricchito da alcune foto dei protagonisti del racconto.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.