Passa ai contenuti principali

Perché le cose cambino davvero

Il 17 maggio è la giornata mondiale
contro l'omofobia
Pur essendo tra coloro che plaudono per lo sbarco in Italia del fortunato
It Gests Better Projet con il nome Le Cose Cambiano, non posso esimermi dal condividere qualche riflessione.
Le Cose Cambiano si prefigge, tramite il racconto di esperienze vissute, di far comprendere a quegli adolescenti che si trovano a vivere situazioni di disagio a causa del loro orientamento sessuale che, con il passare del tempo, le cose cambiano. Cambiano, ovvero, secondo i promotori del progetto, migliorano.
Nella pagina dedicata alla presentazione del progetto, si legge:
Le cose cambiano è una piattaforma dedicata ai ragazzi che si stanno confrontando con il proprio orientamento sessuale, che non si sentono compresi e accettati, che hanno subito episodi di bullismo omofobico o che vengono discriminati per quello che sono.
Siamo convinti che lo strumento più potente di comprensione ed educazione, nonché il migliore antidoto contro l’isolamento, sia la narrazione; che le storie possano fare bene sia a chi le racconta, sia a chi le ascolta.
Attraverso il racconto di cosa ha aiutato i narratori a superare le difficoltà, si vuole, quindi, far comprendere che le cose possono migliorare.
In realtà, inutile nasconderlo, le cose possono anche peggiorare.
Perché esse migliorino, oltre al racconto, oltre alla speranza, c’è bisogno di azione.
Perché le cose cambino davvero in meglio, specie in un Paese, come è l’Italia, che ha la radicata tendenza ad auto-assolversi (“Italiani brava gente”), c’è bisogno
  1. che sia intrapresa una radicale e persistente azione educativa che abbia come fine la valorizzazione, da parte di tutti, delle differenze;
  2. che si educhi gli omofobi al rispetto degli altri;
  3. che gli omofobi che compiono atti di violenza sia verbale, sia fisica, vengano puniti;
  4. che i più elementari diritti individuali, come il matrimonio e la genitorialità, vengano garantiti a tutti i cittadini.
C’è bisogno, in ultima analisi, che coloro che appartengono a una minoranza siano tutelati e non lasciati soli di fronte alla violenza dei singoli o dei gruppi.
_______

Twitter: @daniloruocco 

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.