Passa ai contenuti principali

Il Re è nudo! Lo urlano le coppie di fatto

Se stiamo insieme. Racconti di coppie di fatto a cura di Claudio Finelli, edito da Caracò, riunisce in volume alcuni racconti e poesie di autori italiani incentrati su storie di convivenza.
Convivenze sia eterosessuali, sia omosessuali.
Storie di coppie di fatto, come, negli ultimi tempi, vengono definite tali unioni.
Scopo palese dei narratori è mostrare come in Italia le famiglie create dalle coppie di fatto non siano tutelate dalla legge e come agli omosessuali, in aggiunta, sia anche negata la possibilità di poter rendere ufficiale la loro unione (cosa che gli eterosessuali possono fare, se vogliono, sposandosi) con motivazioni ridicole, capziose e, spesso, false.
Un libro letterario che ha, quindi, un obiettivo Politico, ma che resta “sanamente” letterario: ovvero, le rivendicazioni non uccidono la poesia.
Un libro in cui la Letteratura svolge una delle sue funzioni più alte, ossia quella di mostrare il Re nudo.
Ogni lettore del libro sceglierà il racconto o la poesia che più sente vicino alla sua esperienza, che più gli sembra sua. Che più lo ha commosso e coinvolto.
Il racconto che, però, più di altri ci sembra abbia saputo mostrare il Re in tutta la sua ridicola nudità porta la firma di Franco Buffoni (narratore e poeta). In Marco e Matteo - Storia di un manifesto, infatti, Buffoni, dando voce ai protagonisti di un manifesto elettorale del 2006, ripercorre la storia miserevole della politica italiana in fatto di diritti civili.
Una miseria culturale di cui la sinistra, apparentata al centro cattolico, ha molte responsabilità.
Una politica che non ha lavorato per risolvere i problemi delle persone, ma per concedere privilegi alla Chiesa di Roma, negando diritti, la cui mancanza genera ingiustizia e sofferenza.
Una politica che non legifera, perché, come afferma l’Autore, è consapevole che una legge, normando, rende normali e certi ambienti non gradiscono che l’amore sia un fatto normale per tutti.
Una politica, quella italiana, controllata “da un piccolo stato straniero, per trovare analogie istituzionali col quale occorre ricorrere ad Arabia Saudita, Oman e Qatar”; che è come dire che l’Italia, succube del Vaticano, è fuori dall’Occidente!
Tra i racconti degni di nota qui, senza nulla togliere agli altri, si ricordano solo Al vostro buon cuore di Ivan Cotroneo; Il testimone in kilt di Eduardo Savarese e Ignazio e Renzo di Willy Vaira.
Tra i poeti presenti nell’antologia è di nuovo a Franco Buffoni che bisogna guardare: davvero bella la sua Gay Pride a Roma.
Completano il volume, di cui si consiglia la lettura, la Prefazione di Ivan Scalfarotto e la Postfazione di Vincenzo Branà.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.