Passa ai contenuti principali

Scende giù per Toledo


Scende giù per Toledo di Giuseppe Patroni Griffi è un capolavoro. Un capolavoro nel quale non c’è una parola fuori posto, una frase inutile, una virgola in più.
Un capolavoro di scrittura: italiano misto a napoletano italianizzato. Discorso diretto libero che diventa indiretto e ritorna diretto... Pensieri della protagonista che si fanno verbo.
Scrittura narrativa che - spesso - diventa quasi teatrale, con tanto di “battute” e commenti che sanno di “didascalie” (Patroni Griffi è stato drammaturgo e regista di teatro tra i più noti).
Un capolavoro di intreccio: una storia che trascina il lettore fino all’ultima pagina; che lo tiene col fiato sospeso; che non lo delude mai. Lo fa sorridere; ridere; fremere di sdegno.
Lo fa vivere accanto alla protagonista e alle sue amiche/nemiche. Tra i vicoli di Napoli; tra le zone malfamate della prostituzione; nel treno che porta la protagonista al Nord, in Inghilterra.
Una protagonista che diventa viva, di carne e sangue. Che entra nell’anima per restarci, fino dall’incipit del romanzo: «Scende giù per Toledo e va di fretta Rosalinda Sprint, è in ritardo col sarto e deve andare da Marlene Dietrich.»
Una protagonista, Rosalinda, sempre in cerca dell’Amore; del maschio vero che la possiede, la sfrutta, la “chiava” fino a farla svenire.
Un maschio vero, per Rosalinda, è una sorta di macho brutale, ma capace di accettarla per quello che è: una donna teatrale, ma autentica allo stesso tempo. Una “pazza” (con deliri mistici) che batte i marciapiedi in cerca sia di clienti, sia dell’Amore (ovvero del maschio di cui si è detto).
Una donna che recita la vita (fa vere e proprie prove di ciò che dovrà vivere) e che è “giocata” dalla vita.
Una donna che, come alcuni “femminielli”, disprezza i “ricchioni” e, per questo, il maschio che cerca lo vuole rude e violento (una sorta di macho al quadrato).
Una donna destinata a trovare l’Amore proprio in un “ricchione” (mascherato, beninteso) e che vivrà da vittima una violenza brutale e degradante inflittale da uno dei maschi di cui si è perdutamente innamorata.
Un “femminiello” che è uno dei personaggi femminili meglio descritti in un romanzo scritto da un uomo.
_______
Leggi anche la recensione a Anima nera di Giuseppe Patroni Griffi
_______
 
Twitter: @daniloruocco
________


Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Kimera | Donna Dominante

Nella video-intervista Kimera racconta a Danilo Ruocco la sua esperienza di donna dominante che, in un decennio, l'ha vista attiva sulla scena BDSM soprattutto come mistress di uomini sottomessi, ma anche di donne sottomesse.