Passa ai contenuti principali

Vivere di corsa e di nascosto

Con Di corsa, di nascosto edito da Guanda nel 2011 Francesco Botti offre al lettore otto racconti con finali a sorpresa, ovvero capaci di dare alla storia narrata una luce diversa sotto cui leggerla.
Non sempre il risultato è del tutto convincente, come, ad esempio, in Il maestro delle corde, nel quale, durante tutta l’azione narrata, l’Autore è riuscito a creare un’atmosfera carica di raffinata sensualità - che seduce il lettore e lo immerge in pratiche erotiche orientali inconsuete - che viene, in qualche modo, tradita proprio dal finale.
Altra cosa, invece, in La guardia del corpo, dove il finale sorprendente (forse il migliore del libro) impone al lettore una rilettura dell’intero racconto, in quanto esso ne dà un significato del tutto differente da quello percepito fino alle ultime righe.  
Al di là dei finali, gli otto racconti di Botti hanno tutti protagonisti degli uomini omosessuali. 
La loro omosessualità, in alcuni, non è il motore della storia, ma solo un dato di fatto, un dettaglio, come in Il sasso della fata e Non ci si crede, dove vengono narrati episodi non strettamente legati alla sfera sessuale.
In altri, viceversa, è proprio l’omosessualità dei protagonisti ad essere “indagata”, come, ad esempio, in Se Dio vuole, il racconto, forse, migliore di tutto il volume. In esso il giovane protagonista scopre le proprie pulsioni e, prima tenta di negarle e cambiarle e, poi, intraprende un cammino che lo porterà verso una quasi completa accettazione di sé.  
Un’omosessualità, quella descritta da Botti, in genere vissuta dai protagonisti di nascosto e che li porta a vivere i loro rapporti sessuali e affettivi di corsa e in modo non del tutto sereno. 
Essi, infatti, sentono forte lo stigma sociale con cui, in Italia, si condanna l’omosessualità, al punto che più di un protagonista delle storie di Botti finge pubblicamente di essere eterosessuale, pur di non essere oggetto di riprovazione da parte della famiglia e della cerchia allargata degli amici.
Pare esserci, da parte dei protagonisti, la convinzione che assai difficilmente in Italia gli omosessuali potranno godere degli stessi diritti civili degli eterosessuali, in quanto il Paese è in mano al Vaticano.
Un libro, quello di Botti, assai piacevole e capace, non solo di sorprendere il lettore, ma anche di farlo riflettere.
__________

Twitter: @daniloruocco
__________


Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.