Passa ai contenuti principali

Porno in salsa trans

Avventure di una transessuale perbene di JoLi’ disponibile per piattaforma Kindle è un romanzo pornografico scritto in prima persona dalla protagonista Stella, giovane transessuale meridionale che vive le sue funanboliche esperienze sessuali a Milano.
Va subito specificato che il titolo allude al fatto che Stella, a differenza di molte transessuali italiane, per vivere non è costretta a prostituirsi, ma, appena diplomata, ottiene un posto di lavoro regolarmente retribuito. 

Va, però, specificato che il datore di lavoro di Stella è un tipo a cui piacciono i diversivi e la trasgressione: regolarmente sposato, non disdegna di unirsi sessualmente con altre donne, con uomini e con transessuali ed è proprio per questo che Stella, dopo avergli comunicato la propria disponibilità sessuale, ottiene il lavoro…
L’ufficio si rivela subito un luogo dove i dipendenti sono davvero aperti a tutte le esperienze, alla ricerca continua del piacere e di ciò Stella sa approfittare.

Nonostante la giovane età, infatti, Stella è in grado di gestire il presente e programmare il futuro e sa cogliere al volo le occasioni che il Destino le presenta sotto gli occhi e a portata di genitali. E proprio una di queste sarà quella risolutiva per il suo futuro…

Va da sé che il romanzo, essendo dichiaratamente pornografico, si concentra sulle scene di sesso. In esse, i protagonisti, sempre senza alcuna protezione, si rivelano dotati di notevoli attributi fisici, sfrenati, trasgressivi e con capacità quasi illimitate: peni grossi e turgidi; seni sodi e prosperosi; ripetuti amplessi per tutta la notte…

Stella, si è detto, è pienamente coinvolta dalla situazione: non solo diventa l’amante del capo, ma giace anche con il maggiordomo e amante di lui (in scene che, a chi scrive, hanno richiamato alla memoria quel capolavoro che è Le undicimila verghe di Apollinaire) e con la segretaria (ed ex amante) del capo.
Proprio durante gli amplessi con una donna, la transessuale Stella scopre di sentirsi maschio e di provare, per l’amica/complice un sentimento d’amore. Una labilità sessuale e identitaria che, sempre a chi scrive, ha ricordato quella del protagonista del proprio Lavapiubianco.

In conclusione, il romanzo si rivela una lettura piacevole: una moderna favola porno in salsa trans con tanto di lieto fine sui generis.


_____
Twitter: @daniloruocco

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…