Passa ai contenuti principali

Jean Genet e Tennessee Williams a Tangeri

Jean Genet e Tennessee William a Tangeri di Muhammad Choukri, edito in Italia nel 1995 da il Saggiatore, è davvero un bel libro. Si tratta di una testimonianza di prima mano relativa ai soggiorni nella città marocchina dei due scrittori occidentali.

Choukri, all’epoca giovane e squattrinato scrittore arabo, dei suoi incontri quotidiani con Genet prima, e con Williams poi, tenne dei diari dettagliati, e, anche nel ricordo della scrittura memorialistica, si avvicina ai due grandi scrittori con l'umiltà dell'allievo desideroso di apprendere.

I suoi rendiconti risultano freschi e, allo stesso tempo, particolareggiati, cosicché si ha l'impressione, leggendoli, di trovarsi di fronte Genet e Williams in carne e ossa. Due uomini all’apparenza assai simili (scrittori entrambi; entrambi omosessuali; entrambi viaggiatori inquieti), ma, a ben vedere, molto diversi tra loro. Choukri ne rende esplicite le differenze, ad esempio, mostrando come con Genet intrattenesse discussioni letterarie, mentre con Williams si parlasse, di preferenza, di ragazzi (sia di quello che lo accompagnava nel viaggio, sia di quello che lo scrittore americano avrebbe voluto trovare a Tangeri).

Dei due stranieri, Choukri riporta i discorsi, i fatti e anche le opinioni che su di loro avevano gli altri stranieri residenti a Tangeri. Non mancano i giudizi che Genet espresse su Williams e quelli di Williams su Genet. Il francese rivelò a Choukri di non aver mai letto lo scrittore americano per il disinteresse che le recensioni ai di lui lavori gli avevano suscitato; mentre lo scrittore americano disse di avere stima del francese, anche se a volte gli risultava difficile da comprendere appieno.

Lo stile del memorialista è diretto e lineare, anche se non manca di delicatezza, specie quando riferisce argomenti e fatti scabrosi relativi alle abitudini sessuali dei due occidentali, sensibili al fascino in vendita dei giovani marocchini.

Davvero toccante, infine, la testimonianza del dolore insanabile provato dal compagno marocchino di Genet in seguito alla morte per cancro di quest'ultimo.


Un libro di cui si consiglia la lettura.

Commenti

  1. Aldo Braibanti è scomparso il 6 aprile 2014. Era nato il 17 settembre 1922.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.