Passa ai contenuti principali

Lo sguardo omoerotico di Luchino Visconti

Poetica e prassi della trasgressione in Luchino Visconti 1935 - 1962 di Mauro Giori edito nel 2011 da Libraccio Lampi di stampa è decisamente un saggio per specialisti.
In esso il Saggista presenta e analizza dettagliatamente alcuni film e spettacoli teatrali di Visconti, realizzati tra il 1935 e il 1962. Sono gli anni di pellicole cinematografiche come Ossessione, Senso, Rocco e i suoi fratelli e di spettacoli come Adamo e L’Arialda.

Attraverso la ricostruzione delle produzioni ora citate, Giori dimostra come Visconti, non solo prevedeva che i suoi lavori avrebbero suscitato scandalo, ma, in qualche modo, ne sollecitava gli esiti, in quanto, proprio attraverso lo scandalo, egli voleva indurre lo spettatore a riflettere attentamente su quanto aveva visto. La provocazione, per Visconti, non era fine a se stessa, ma necessaria affinché il “fatto” artistico si concludesse positivamente. Ovvero, lo spettatore da passivo ricettore dello spettacolo, diventasse attivo e partecipe.

Mezzo principale attraverso il quale Visconti suscitava scandalo era il sesso (spesso omosessuale). Praticamente, non vi è produzione artistica viscontiana dove la storia e i personaggi non siano ampiamente erotizzati.
Giori, nelle sue analisi, si ferma sui personaggi maschili (non solo sui protagonisti, ma anche su personaggi apparentemente minori), per dimostrare come Visconti abbia operato un sistematico mutamento nella rappresentazione del corpo maschile (soprattutto al cinema). Lo sguardo del regista era omoerotico e il corpo maschile diventava oggetto erotico per eccellenza, a volte a scapito del corpo femminile.
Inoltre, Visconti prendeva le distanze dalla rappresentazione viriloide della maschilità e presentava al pubblico corpi maschili potenzialmente eversivi, in quanto carichi di ambiguità.
Un’ambiguità che era omosessualità e che, nell’attardata e omofoba società italiana dell’epoca, non poteva che suscitare reazioni assai forti che, spesso, diventavano scomposte.
Nel suo saggio Giori ricostruisce anche la ricezione presso critica e pubblico delle produzioni viscontiane, in modo da dare conto al lettore delle proporzioni, a volte abnormi, assunte dagli scandali.
Abnormi rispetto a quelle che, per Giori, erano le intenzioni di Visconti che, a suo dire, non «puntavano a scardinare in modo radicale la morale corrente», in quanto il regista non sollecitava reazioni di rifiuto del pubblico nei confronti delle sue opere.
Un saggio, quello di Giori, la cui lettura si consiglia a quanti, per esigenze di studio, debbano approfondire la conoscenza dell’opera di Visconti.


Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.