Passa ai contenuti principali

Mentire a se stessi

Tennessee Williams
La gatta sul tetto che scotta di Tennessee Williams (1911 - 1983) è un capolavoro che merita di essere letto con attenzione.
Scritto nel 1955, non ha perso mordente e capacità di coinvolgimento.
Tutta l’azione si svolge nella camera da letto di Brick e Margaret, giovane coppia profondamente in crisi, il giorno del sessantacinquesimo compleanno del padre di Brick.
A mettere in crisi la relazione tra i due coniugi è Brick stesso che, dopo la prematura scomparsa del suo intimo amico e compagno di squadra Skipper, ha iniziato a bere pesante e a rifiutarsi di andare a letto con la moglie. 
I due coniugi sono perfettamente a conoscenza della situazione e se la rinfacciano senza peli sulla lingua e falsi pudori: lei, soprattutto, fa presente che si sente sola e non sopporta più l’astinenza sessuale cui il marito la costringe, tanto che la tensione in cui vive l’ha trasformata in una gatta su un tetto che scotta.
Brick, però, la ritiene responsabile della morte del suo amico e non ha intenzione di cedere alle richieste della moglie, ma tenta di annebbiare la mente bevendo.
Secondo la versione di Brick, Skipper, infatti, sarebbe morto dopo aver fallito un approccio sessuale con Margaret atto a dimostrarle che l’amicizia tra lui e Brick stesso altro non era che “semplice” amicizia e non amore.
Brick, quindi, accusa la moglie di aver sporcato, con basse insinuazioni, il sentimento purissimo che lo legava a Skipper.
Ma al sentimento purissimo sembra credere solo Brick: suo fratello, la moglie di lui e perfino suo padre la pensano diversamente e sono convinti che tra Brick e Skipper ci fosse, in realtà, una vera e propria storia d’amore omosessuale.

Ciò che stupisce, in un testo del 1955, è la reazione del padre di Brick di fronte alla possibile omosessualità del figlio prediletto. Infatti, il padre, lungi dal lasciarsi andare a reazioni omofobe scomposte e violente, dice al figlio che non si scandalizzerebbe affatto se egli si dichiarasse omosessuale, in quanto, essendo cresciuto e vissuto tutta la vita in mezzo alla natura, sa cosa sia la tolleranza. 
Inoltre, gli ricorda che loro vivono nella tenuta agricola di quella che era stata una affiatata coppia omosessuale.
Infine, sentiti i fatti relativi alla dinamica della morte di Skipper, il padre - con molto realismo - rinfaccia al figlio di non aver avuto il coraggio di affrontare la verità quando Skipper gliel’ha confessata al telefono: «Tu hai scavato la fossa al tuo migliore amico e ce l’hai spinto dentro, per non affrontare la verità insieme con lui!».
Poco dopo, Brick ammetterà di non aver mentito ad alcuno, ma solo a se stesso...
E che Brick mentisse a proposito dei sentimenti che provava nei confronti di Skipper lo si capisce durante il Primo Atto, quando sua moglie gli ricorda che, durante i loro rapporti sessuali, lui restava indifferente, senza alcun desiderio…
Rapporti, infine, che non hanno dato frutti: i due, infatti, non hanno bambini…

Un testo che - si ripete - per essere stato scritto a metà degli Anni Cinquanta del Novecento, è assai audace, in quanto, non solo la tematica omosessuale è ben chiara, e non soltanto allusa di straforo; non solo essa investe il protagonista maschile della pièce e non un personaggio secondario; ma nel testo l’omosessualità non è ferocemente stigmatizzata. 
L’omofobia che si respira nel testo è, soprattutto, omofobia interiorizzata: Brick e Skipper non accettano l’idea di poter essere anche degli innamorati, oltre che amici e compagni di squadra, perché la loro “verità” è disapprovata dall’ambiente nel quale lavorano: quello dello sport, non ancora pronto a includere le persone omosessuali.
Attualità di Tennessee Williams, vien voglia di commentare…

Dal testo, nel 1958, è stato tratto il celebre film di Richard Brooks con Paul Newman ed Elizabeth Taylor.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…