Passa ai contenuti principali

Amore e sesso libero

Il manuale La zoccola etica di Dossie Easton e Janet Hardy edito in Italia da Odoya è considerato la bibbia del poliamore

Si tratta di un manuale diviso in due parti distinte: la prima nella quale si spiega in cosa consista il poliamore e la seconda nella quale si danno utili suggerimenti per diventare un poliamorista (da come controllare e superare la gelosia a come si partecipa a un’orgia).
Premettono le due autrici che non esiste una definizione univoca di poliamore: per alcuni, infatti, si può parlare di poliamore quando più persone sono coinvolte contemporaneamente in una relazione amorosa e sessuale fissa. Altri, invece, parlano genericamente di poliamore per indicare forme di relazioni diverse dalla monogamia convenzionale.
Ad ogni modo, il poliamore è uno stile di vita che si distanzia da tutte quelle false credenze che vorrebbero imporre la monogamia come unica forma di vero amore. 

Le autrici dichiarano, tra l’altro, di non essere contro coloro che consapevolmente e senza costrizione scelgono la monogamia, ma rivendicano la possibilità di agire come “zoccole etiche”, ossia, come poliamoriste che tengono sempre d’occhio e rispettano le esigenze delle loro e dei loro amanti. 
Le due saggiste, inoltre, spiegano che le persone che si dedicano all’amore libero, sono consapevoli che non possono pretendere che un singolo partner possa soddisfare tutte le loro esigenze, né loro stesse essere coloro che soddisfano tutti i bisogni dei loro partner. Ruoli diversi con partner diversi, ma per tutti amore e rispetto.
Un manuale, La zoccola etica, che merita una lettura a mente aperta e senza preconcetti. 

Un libro nel quale, chi scrive, si è riconosciuto e nel quale ha visto spiegate assai bene molte delle proprie posizioni in campo amoroso, alcune delle quali espresse nei post Minimo in tre e Minimo in tre parte seconda.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Kimera | Donna Dominante

Nella video-intervista Kimera racconta a Danilo Ruocco la sua esperienza di donna dominante che, in un decennio, l'ha vista attiva sulla scena BDSM soprattutto come mistress di uomini sottomessi, ma anche di donne sottomesse.