Passa ai contenuti principali

Expo 2015 e turisti GLBT

L’Expo 2015 è alle porte e la quarta edizione dell’Expo Turismo Gay non poteva non occuparsene. 
Se, infatti, si tiene conto dei dati forniti dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), il 10% della popolazione mondiale è composta da persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender. 
Ciò vuol dire che, se all’Expo 2015 sono attesi 21 milioni di visitatori, è probabile che ben 2 milioni siano quelli GLBT. 
Visitatori che l’Italia non può non accogliere in modo corretto e qualificante per gli operatori del settore.

A parlare di accoglienza turistica delle persone GLBT si sono riuniti ieri a convegno Alessio Virgili, Alessandro Cecchi Paone, Olga Mazzoni, Josep Ejarque e Paolo Colombo, coordinati da Letizia Strambi.
È emerso, nel complesso, un quadro desolante per l’Italia, specie se paragonata ad altri paesi del mondo che sono molto più progrediti dal punto di vista dei diritti civili e dell’accoglienza delle persone GLBT. Paesi dai quali i turisti GLBT provengono.

Josep Ejarque ha sottolineato come i visitatori dell’Expo 2015 dedicheranno un giorno solo all’Expo, mentre i giorni restanti del loro viaggio saranno divisi tra la visita di Milano e quella di altre città italiane ed europee (nel caso essi provengano da altri continenti). Importante sarà poter differenziare l’offerta turistica per andare incontro alle esigenze dei turisti GLBT. Importante, poi, che il personale preposto all’accoglienza sia… accogliente. 

Anche Alessio Virgili, ambasciatore IGLTA, ha sottolineato come sia fondamentale che il personale alberghiero sia opportunamente formato e come non ci si possa permettere di non saper rispondere alle richieste specifiche dei turisti GLBT, mediamente più colti ed esigenti delle altre fette di mercato.

Alessandro Cecchi Paone ha sottolineato come sia importante prevedere percorsi turistici nei quali far emergere le tracce dei grandi personaggi GLBT della storia italiana. Percorsi leonardeschi, caravaggeschi e catulliani, per fare degli esempi, nei quali non siano taciuti gli orientamenti sessuali di Leonardo, Caravaggio e Catullo che tanto hanno influenzato le loro opere artistiche. 

Olga Mazzoni ha fatto una fotografia di come le persone GLBT statunitensi siano abituate a vivere e di come si aspettino si essere trattate dai vari operatori del settore turistico. Un brivido di paura è corso lungo la schiena di chi scrive pensando all’omofobia che, mettiamo, un manager che verrà all’Expo accompagnato dal marito e dalla prole potrà trovare in Italia.

Infine, Paolo Colombo, noto giornalista sportivo, ha calcolato quanto costa economicamente l’omofobia nello sport italiano: il fatto che in Italia non si ospitino eventi internazionali dedicati agli sportivi GLBT, fa perdere decine e decine di milioni di euro al settore turistico.

Concludendo, se non si sarà in grado di accogliere civilmente i turisti GLBT che arriveranno con l’Expo 2015, l’Italia perderà un treno in corsa che, finora, ha fruttato agli operatori italiani del settore quasi 3 miliardi di euro.



Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.