Passa ai contenuti principali

Il matematico indiano nell'Inghilterra di inizio Novecento

Il matematico indiano di David Leavitt, edito in Italia nel 2008 da Mondadori, è davvero un bel romanzo, nel quale è ricostruita la vita di tre matematici: Srinivasa Aiyangar Ramanujan (il matematico indiano del titolo), Godfrey Harold Hardy (scopritore del talento di Ramanujan e suo mentore) e John Edensor Littlewood (stretto collaboratore di Hardy).
Va da sé che, essendo un romanzo e non una biografia, alcuni dei fatti e dei personaggi che si trovano nel libro sono frutto della fantasia dell’Autore. Ma, in linea di massima - lo si apprende dalla lettura delle fonti consultate da Leavitt in calce al romanzo - l’Autore si è mantenuto abbastanza fedele alla verità storica.

La vita del matematico indiano è, nel romanzo, ricostruita attraverso la visione che di lui ebbero le persone che gli furono vicine, prima tra tutte Hardy che ne comprese il genio e ne indirizzò la carriera accademica. 
Una vita tragica e breve, quella di Ramanujan, stroncata da una malattia che i medici (sia inglesi, sia indiani) non riuscirono a curare, anche perché, probabilmente, sbagliarono clamorosamente diagnosi.
Ma il libro - come detto - non ricostruisce solo la vita di Ramanujan, ma anche di Hardy (che la ricorda e la racconta) e di Littlewood. 
Leavitt sembra soprattutto affascinato dalla biografia di Hardy (un genio al pari di Ramanujan) cui dedica uno spazio uguale, se non maggiore, di quello dato al matematico indiano; mentre pare aver giocato con la biografia di Littlewood, inventandone molti risvolti.


Attraverso il poderoso romanzo, che, nella versione italiana di Delfina Vezzoli, sfiora le 600 pagine, Leavitt ricostruisce, con maestria, l’abiente di Cambridge di inizio Novecento.
Un ambiente in cui notevole era l’influsso intellettuale degli Apostoli (di cui Hardy era uno dei maggiori esponenti): un gruppo di professori e allievi uniti non solo da interessi accademici, ma anche affettivi e sessuali, essendo molti di loro (se non quasi tutti) omosessuali. 
Un’omosessualità, la loro, vissuta abbastanza disinvoltamente in privato, ma taciuta o negata in pubblico, anche in ragione del fatto che, ai tempi, l’omosessualità, in Inghilterra, era condannata come reato.
Ecco allora, che, alcuni di loro si lasciavano andare a pubbliche esternazioni omofobe, che, nelle loro intenzioni, avevano l’obiettivo di allontanare da loro i “sospetti”. Molti di loro, poi, prendevano moglie per convenienza sociale.
Non così Hardy, di cui Leavitt ci racconta le storie d’amore, che seppure non parlasse pubblicamente della sua omosessualità, non finse di essere altro da ciò che era.


Un libro, Il matematico indiano, che sembra essere stato scritto in stato di grazia e che si legge con molto interesse.

Il matematico indiano è disponibile su Amazon.it

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…