Passa ai contenuti principali

Innamorata della propria gemella

Uscito nel 1962, Cassandra al matrimonio di Dorothy Baker (1907 - 1968) arriva ora in Italia, nella limpida traduzione di Stefano Tummolini, edito da Fazi Editore.
Si tratta di un romanzo strepitoso di cui si consiglia vivamente la lettura.
Un romanzo scritto con maestria e che affronta temi “spinosi” con spietata delicatezza.

La vicenda è semplice e sconcertante: Cassandra è innamorata follemente della propria gemella monozigote, Judith, che sta per sposarsi. Sposarsi con un uomo. Un estraneo.
A Cassandra il fatto sembra inconcepibile e ancora più strano le pare l’invito che Judith le ha rivolto di partecipare al matrimonio in veste di damigella d’onore.
Un invito inaspettato perché Judith, nove mesi prima, l’ha lasciata per andare a vivere da sola a New York.
Cassandra, pur annientata dall’idea di perdere definitivamente la gemella amata, decide di rispondere affermativamente all’invito rivoltole e si reca al matrimonio di Judith.
Forse Cassandra riuscirà a far tornare in sé la gemella e impedire che il matrimonio venga celebrato…

Temi “spinosi” si è detto: tra essi vanno sottolineati la ricerca della propria identità; il lesbismo e il suicidio.
Cassandra e Judith hanno passato tutta la loro giovane vita a cercare una propria identità che fosse unica e differente da quella di tutti gli altri e, soprattutto, da quella “dell’altra”. Essere gemelle monozigote non è stata una passeggiata per loro che, ogni volta che si sono riflesse in un specchio, hanno riconosciuto prima “l’altra” e poi loro stesse… 

Poi c’è il lesbismo. Cassandra è innamorata di una donna che, per di più, è la sua gemella. Ma Cassandra non sembra tanto turbata né dal fatto di essere innamorata di una donna, né dall’idea dell’incesto. Ciò che la sconvolge è che la donna che adora possa aver deciso di unirsi in matrimonio con un uomo.

E, infine, il tema del suicidio. Cassandra, rimasta sola dopo l’abbandono della gemella che se ne è andata a New York, si sente talmente incompleta, tanto dimezzata, che pensa al suicidio. Pensiero che prende corpo quando, alla vigilia del matrimonio, la paura di non poter reggere la separazione dalla gemella diventa una insopportabile certezza…

Temi che la Baker affronta con delicatezza, sicurezza e senza inibizioni, pur sembrando, a prima vista, elusiva. 
Se, infatti, la parola “lesbica” non viene mai scritta, né mai apertamente si dice che le “amichette” di Cassandra sono, in realtà, amanti; è pur vero che il sentimento che Cassandra prova per la sorella è analizzato dettagliatamente, così come non si nasconde il senso di repulsione che ella ha nei confronti degli uomini.
Neppure per un momento il lettore può ingannarsi sulla vera natura di Cassandra: ella è una lesbica innamorata persa della propria gemella che, però, è eterosessuale.
Così come non ci si può ingannare a proposito del resto: la ricerca faticosa della propria identità e il disagio di vivere.

Cassandra al matrimonio, comunque, non va letto solo per i temi che affronta, ma anche per come è scritto e per i personaggi che la Baker presenta al lettore, tra i quali, assolutamente memorabile è la nonna delle due gemelle. Una vecchia signora che entra subito nel cuore del lettore e che, difficilmente, ne uscirà presto.
Così come a lungo resterà Cassandra, il cui destino è affidato proprio al lettore, essendo il finale del romanzo del tutto aperto.

Cassandra al matrimonio è disponibile su Amazon.it

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.