Passa ai contenuti principali

Vivere da gay in tutto il mondo

Global gay del sociologo Frédéric Martel, edito in Italia da Feltrinelli, è un libro fondamentale per quanti hanno a cuore i diritti umani. In esso, infatti, l’Autore scatta una fotografia della situazione dei diritti delle persone GLBT in tutto il mondo e non si stanca di ricordare come i diritti dei gay siano, a tutti gli effetti, diritti umani.

Frutto di un’inchiesta durata cinque anni che ha portato il sociologo a visitare 45 paesi sparsi in tutti e cinque i continenti, il saggio (scritto con un linguaggio comprensibile a tutti) dà voce (con una serie di interviste) a chi, di solito, non l’ha: a quegli eroi che quotidianamente combattono a favore dei diritti delle persone GLBT, anche a rischio della loro vita. 

E non si creda, sottolinea l’Autore, che i paesi omofobi si contino solo tra quelli musulmani, asiatici o africani, perché l’omofobia è trasversale e alligna anche in Occidente e tra i paesi del “Nord” del mondo. 
Si pensi, ad esempio, all’ «omofobia militante del Vaticano» o a quella dei protestanti neoevangelici degli Stati Uniti. Ma anche a tutti quegli atti di quotidiana omofobia che impediscono a una persona GLBT di vivere serenamente la propria vita. Atti che proliferano in tutti quegli stati in cui si fa fatica ad approvare semplici norme anti-omofobia o si continua a negare a persone dello stesso sesso la possibilità di sposarsi.
«Il cosiddetto “Occidente” non ha il monopolio sui diritti dei gay, né l’”Oriente” o il “Sud” <del mondo> la prerogativa dell’omofobia.» afferma l’Autore e si ricordi, a tale proposito, che la prima Costituzione al mondo ad aver esplicitamente contemplato il divieto di discriminare in base all’orientamento sessuale delle persone è quella del Sudafrica.

Ma il saggio non descrive solo l’omofobia. In esso si possono leggere i progressi che le persone GLBT hanno ottenuto in tutto il mondo combattendo per i propri diritti, tanto che la “questione gay” è diventata il parametro con il quale si misura il grado di democrazia e modernità raggiunto da un paese.
Diritti che si sono conquistati partendo dalla visibilità individuale e collettiva: prima va fatto presente alla società che si esiste e, una volta che si è palesata la propria esistenza, si possono iniziare a rivendicare una serie di diritti. E ci si palesa, come comunità, molto spesso partendo dall’apertura di un locale gay sulle vetrine del quale sventola la Bandiera Arcobaleno.

Un libro, quello di Martel, che è una miniera di informazioni su come si vive da persone GLBT in tutte le parti del mondo. 

Un reportage la cui lettura, in molti punti, mette i brividi, ma che sa anche infondere speranza e coraggio.

Global gay è disponibile su Amazon.it

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.