Passa ai contenuti principali

I genitori GLBT

Uscito negli USA nel 2010, Omogenitorialità. Famiglie con genitori gay o lesbiche: studi e ricerche di Abbie E. Goldberg arriva ora in Italia edito da Erickson.
Il saggio fa il punto sugli studi effettuati, principalmente negli Stati Uniti, nel corso di diversi anni, sulle famiglie omogenitoriali, ovvero quelle in cui i genitori sono due persone delle stesso sesso.
Ovviamente, come afferma la Studiosa, le persone non eterosessuali hanno sempre fatto i genitori, solo che mancava loro la visibilità.
Negli ultimi anni, invece, le coppie omogenitoriali sono venute allo scoperto (specie nei grandi centri urbani) e ciò ha scatenato l’ira degli omofobi che hanno dato vita a una serie di campagne di disinformazione vive ancora oggi.

Gli studi scientifici seri, hanno indagato la materia con serenità e distacco e i loro risultati sono interessanti, seppure non dicano nulla che chiunque sia dotato di comune buon senso non sappia già: una coppia di genitori formata da persone dello stesso sesso e una formata da persone di sesso differente hanno le stesse possibilità di far crescere un bambino sano e felice, in un ambiente equilibrato e pieno d’amore. Ciò che fa la differenza in una famiglia, infatti, non è la sua struttura (ossia da chi essa è formata), ma come in essa vengono gestite e risolte le normali tensioni che si generano in ogni gruppo sociale.
La Saggista sottolinea che gli
[...] studi indicano chiaramente che l’omosessualità non influisce sull'adattamento e sulle capacità genitoriali di uomini e donne, e pertanto smentiscono lo stereotipo dei genitori omosessuali inadatti a prendersi cura di bambini, emotivamente instabili e incapaci di assumere ruoli materni e paterni. 
Anzi, a voler portare i dati fino alle estreme conseguenze, crescere in una famiglia omogenitoriale potrebbe essere un’esperienza più istruttiva e qualificante per un bambino di quanto lo sia il crescere in una "famiglia tradizionale", perché nelle famiglie omogenitoriali si riscontra un livello di apertura mentale superiore rispetto a quello avvertibile nelle famiglie in cui i genitori sono una coppia eterosessuale.

La Goldberg, studiosa delle "famiglie non tradizionali", infine, non nasconde i problemi che vivere in una famiglia omogenitoriale comporta; problemi causati dall’eterosessismo e dall’omofobia di cui la società è impregnata. Sottolinea, però, come nelle famiglie in cui i genitori preparano i figli ad affrontare tali problematiche, costoro crescono equilibrati e capaci di rispondere a tono a quanti considerano la loro famiglia meno famiglia delle altre.

Il saggio della Goldberg è scritto assai bene e mai in esso si fa ricorso a un linguaggio “per iniziati”. Esso, per ovvie ragioni, si concentra sulla situazione statunitense vigente al momento dell’uscita del saggio. Contesto sociale in rapido e costante mutamento.
Ciò di cui soffre il lettore italiano, perciò, è la mancanza di un focus sulla situazione del nostro paese. La lacuna poteva essere colmata anche solo adeguando alla nostra realtà le utili Risorse pratiche che sono elencate dall'Autrice alla fine di ogni capitolo.

Ad ogni modo, il dato sostanziale del volume resta valido anche in Italia: non è l’orientamento sessuale di una persona a pregiudicare la sua abilità ad assumere un ruolo genitoriale.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.