Passa ai contenuti principali

I figli sono di chi li cresce


Spesso le persone che amano non riescono a farsi valere perché sono indifese.
A renderle indifese è proprio il loro amore verso qualcuno.
E non sono indifese solo nei confronti della persona verso la quale nutrono un sentimento d’amore. No. Sono indifese contro chiunque tenti di mettere in dubbio il loro amore nei confronti di quella determinata persona, specie se la prova richiesta possa, in qualche modo, danneggiare (anche solo momentaneamente) la persona che si ama.

Ecco, allora, che esistono persone che, se messe di fronte alla scelta tra il farsi valere e il procurare un trauma alla persona amata, scelgono di non farsi valere, anche se questo, alla lunga, può portare un danno proprio alla persona che si ama.


Prendiamo, ad esempio, un genitore non biologico che ama uno dei figli cresciuti con il compagno*.
In assenza del compagno, potrebbe decidere di dimostrare di essere un vero genitore con un esempio del tutto paradossale.
Potrebbe, cioè, abbandonare a scuola il figlio biologico del partner, nel caso questi non fosse nelle condizioni di poter andare a riprenderlo e lasciare che insegnanti e preside risolvano da soli l’emergenza.
Ecco, allora, che di fronte all’impossibilità del genitore biologico di assolvere a un obbligo, perché, magari, bloccato in un letto di ospedale, la prima cosa che verrebbe spontaneo fare al corpo docente sarebbe di chiamare urgentemente il genitore non biologico che, nel nostro esempio paradossale, dovrebbe fare spallucce e dichiarare con candore che non sono fatti suoi, perché lui non è il genitore biologico!
A quel punto, il corpo docente dovrebbe ricordare al genitore non biologico un verità incontrovertibile: i figli non sono di chi li scodella, ma di chi se ne prende cura e li fa crescere!
Il genitore non biologico, cioè, verrebbe richiamato alle sue giuste e doverose responsabilità di padre.

Tutti coloro che sono in buona fede sanno che i figli sono di chi li cresce.
E tutti sanno che mai un genitore (biologico o meno) abbandonerebbe a scuola un figlio che ama solo per fa valere un diritto che non è solo del genitore non biologico, ma anche e soprattutto del figlio non biologico: quello alla tutela del loro legame affettivo.

Ma ci sono persone che sono sorde alla verità del cuore. 
Persone inaridite che, purtroppo, siedono (perché nominate da qualcuno e non perché qualcuno le ha votate) nei palazzi dove si decide delle sorti di tutti i cittadini. 
Persone che, forse, non hanno mai davvero amato qualcuno, perché troppo impegnate a rincorrere il Potere.
Brutte persone incapaci di comprendere gli altri… Figuriamoci di rappresentarli!



* Si parla al maschile per convenzione, ma, ovviamente, si pensa a entrambi i generi.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.