Passa ai contenuti principali

Tutta la verità sul gender

Papà, mamma e gender di Michela Marzano edito da Utet nel 2015 è un bel libro nel quale la nota filosofa spiega, in modo assai comprensibile, di cosa trattano i gender studies che, lungi dall’essere delle teorie o delle ideologie, sono, invece, degli studi in ambito accademico.

Il saggio della Marzano parte dai vari messaggi distorti diffusi da alcuni ambienti cattolici oltranzisti a proposito di quella che viene, di volta in volta, definita “teoria” o “ideologia” gender e, analizzandoli, chiarisce ai lettori le reali intenzioni e le conquiste teoriche dei maggiori studiosi nel campo degli studi di genere.

La filosofa, più volte, ricorda nel suo saggio la differenza che passa tra sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e ruolo di genere, in modo da sottolineare come gli studi di genere puntino, in primo luogo, a portare alla luce gli stereotipi sui quali si basano i ruoli di genere; stereotipi sessisti che chi ambisce a una reale parità di trattamento tra uomini e donne denuncia come tali e combatte.
A tale proposito, già in apertura di volume, la Marzano ricorda che
[...] gli studi sul gender hanno come scopo soprattutto quello di combattere contro le discriminazioni e le violenze subite da chi, donna, omosessuale, o trans, viene considerato inferiore solo in ragione del proprio sesso, del proprio orientamento sessuale o della propria identità di genere.
Donne, omosessuali e trans uniti dal fatto di essere considerati inferiori dalle persone sessiste e omotransfobiche, le quali, evidentemente in preda a deliri di onnipotenza, sono convinte che essere maschi, eterosessuali e, possibilmente, bianchi, sia un merito e che ciò giustifichi l’adozione di comportamenti discriminatori e violenti nei confronti degli “altri”.
Ovviamente, chi combatte le discriminazioni (e le violenze) lo fa in ragione del fatto che considera tutti gli esseri umani uguali, pur rispettando le differenze individuali. 
Chi, infatti, riesce a comprendere che essere uguali non significa affatto essere identici, non ha problemi a rapportarsi con “l’altro” da sé e ad accettare e valorizzare le differenze che sono sempre arricchenti.
Gli altri, i sessisti e gli omotransfobici eteronormativi di cui sopra, invece, hanno seri problemi proprio nel rapportarsi con “l’altro” da sé e questo li spinge a una totale chiusura nei confronti del “diverso” da loro.

La Marzano non solo sbugiarda i messaggi ideologizzati dei “nogender”; non solo auspica il raggiungimento di una reale parità di trattamento tra uomini e donne; ma, più volte, sottolinea come il dare pari diritti a chi non li ha e li chiede come fanno le persone GLBT non toglie nulla a chi già li possiede né, men che meno, può essere di pericolo per qualcuno.

Un saggio, quello della Marzano di cui si consiglia vivamente la lettura.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.