Passa ai contenuti principali

Insulti in divenire

Trans. Storie di ragazze XY edito da Mursia è “l’autobiografia aumentata” di Monica Romano: ossia l’Autrice, nel raccontare la propria vicenda biografica, ha fatto ricorso anche alle vite e ai pensieri delle sue amiche, aumentando, in tal modo, il proprio vissuto, già ricco di suo.
Ne risulta una storia davvero interessante capace di coinvolgere il lettore con una narrazione dai ritmi serrati e un linguaggio spedito che, assieme alla vita della protagonista, racconta, a sommi capi, anche i progressi di chi le sta accanto e l’evoluzione della società italiana dalla seconda metà degli anni Ottanta del Novecento ad oggi.

Una società attardata, ma, quel che è peggio, omofoba e transfobica.
E la protagonista vive in prima persona sia l’omofobia, sia la transfobia a seconda di come viene percepita da chi la guarda che, in ogni caso, non vede mai in lei i tranquillizzanti segni della “normalità”.
Omofobia e transfobia che generano insulti e violenze fisiche.
Insulti, come dice la protagonista, in divenire e che vanno da “Frocio” a “Lesbica” passando per “Travone” e “Trans”. 

Omofobia e transfobia di cui soffrono molti (troppi) eterosessuali di ambo i sessi. Caratteristica che li accomuna in negativo.
Ma se nel libro di Monica Romano, nel complesso, le figure femminili risultano, in molti contesti, positive (prima tra tutte quella della splendida madre della protagonista), va detto che, per contro, le figure maschili ne escono malconce, quando non del tutto negative.
I maschi incontrati dalla protagonista sono prossimi all’analfabetismo, machisti, testosterocini, brutali, anaffettivi, omofobi, transfobici, velati, repressi, sfruttatori…
Maritini e padri di famiglia esemplari di giorno e di notte a caccia di piccanti trasgressioni…
Maschi fallocratici e subumani.

Ma non ci sono solo esperienze negative nel libro di Monica Romano, così come potrebbe far credere quanto detto finora.
No, anzi: il libro della Scrittrice milanese è pieno di positività e di speranza.
Monica Romano, infatti, racconta e descrive un modo “altro” di essere Trans
Il suo modo che è distantissimo da quello ritratto dai media, fatto di prostituzione e dipendenza dalla droga.
Il suo modo che è quello di una ragazza colta e laureata, delicata nei modi, ma dal carattere fermo. 
Quello di una attivista pronta ad aiutare gli e le altre e a spendersi per attuare il cambiamento.
Il suo modo che è quello di una persona che ce l’ha fatta.


Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.