Passa ai contenuti principali

A letto non bisogna essere egoisti | Intervista al porno attore Alejandro Herman

Abbiamo intervistato il porno attore Alejandro Herman che ci ha rivelato un segreto...

Hai vinto l’Italian Porn Awards 2016 come miglior attore. In che genere di film sei specializzato?
Sì, ho vinto l’Italian Porn Awards 2016 come miglior attore porno in Italia. Sono specializzato nel genere etero, visto che sono anche eterosessuale.

Come mai hai scelto di fare l’attore porno?
Ho scelto di fare l'attore hard a causa di una brutta delusione d'amore: dopo che avevo dato tutto il mio cuore e l'anima a una ragazza dal viso d'angelo, scopro che mi aveva tradito con un mio amico. 
E da lì sono diventato un diavolo.. 
Ammetto che volevo vendicarmi delle donne, anche se non bisogna fare di tutta l'erba un fascio, perché è pieno di brave ragazze che ho conosciuto sia sul set, sia nella vita normale. 
Comunque, ho voluto mettermi in gioco e sfogare il mio rancore sul set e nella vita reale con molte donne.
Ma ora sono cambiato, perché sono diventato molto umile e, da diavolo che ero, sono ritornato un angelo, perché io realmente amo le donne: c'è sempre da imparare da loro e sono anche da amare e da capire. 
Se le perdiamo la colpa è spesso di noi uomini, perché le trascuriamo. 
Molti uomini, una volta che hanno conquistato una donna, la danno per scontata. Invece, secondo me, una donna va corteggiata sempre. Amata e coccolata. Capita e compresa, punto.
Ah dimenticavo: anche soddisfatta sessualmente! E comunicare con lei per capire cosa le piace, per farle avere un rapporto sessuale magico, perché molte donne non hanno facilmente l'orgasmo, e lì diventi anche un po' sessuologo e, soprattutto, l'uomo non deve essere egoista e pensare solo a se stesso..
Io non sono egoista a letto, anzi penso prima a soddisfare la donna e capire cosa le piace, perché è così che rendi magico il rapporto.
Poi ogni donna è un mondo a sé, con i propri pensieri e tabù. 

Leggo dal tuo profilo Facebook che, tra le tante cose, sei anche un personal trainer, un cubista, un fotomodello e uno strip man. Sei anche escort?
Sì, sono anche un fotomodello e faccio molti servizi fotografici, come si vede nei miei social e sono un cubista (Gogo boys). 
Faccio anche lo spogliarellista nei migliori locali del Nord Italia. 
No, non faccio l'escort, per ora, perché non ho tempo...
Però ti voglio dire un segreto: dopo che ho avuto la delusione d'amore di cui ti ho detto, ho cominciato a fare l'accompagnatore per donne per capire psicologicamente come ragionavano sia davanti a una cena, sia nel letto. 
Ho potuto capire molte sfaccettature delle donne, sia a letto che fuori dal letto. Quindi sono diventato anche un po' sessuologo... 
L'universo femminile è infinito: ogni donna è un fiore a sé.

Quest’anno ti si può ammirare anche nel calendario HELL BOYS 2017. Che mese sei? Ci racconti qualche cosa del set?
Quest'anno ho fatto un calendario di nudo artistico glamour con il più famoso gruppo di spogliarellisti e gogo boys d’Italia, i famosi Hellboys, di cui faccio parte, e sono nel mese di ottobre, anche se io sono nato a febbraio e sono un puro acquario.
Sul set mi sono molto divertito, anche perché faccio molti scatti per altri fotografi, sia nudo, sia vestito, quindi ero molto a mio agio. Poi c'era molta gente importante dello spettacolo e mi sono divertito...

A che tipo di pubblico è rivolto il calendario? Uomini o donne?
Il calendario è rivolto principalmente a un pubblico femminile, ma anche a un pubblico maschile: ognuno è libero di acquistare ciò che vuole! 

Sei etero, gay o bisex?
Io sono eterosessuale e amo il mondo femminile. 

Sei di Barcellona, ma vivi in Italia...
Mi hanno proposto di andare all'estero a lavorare, tipo Miami o Praga, ma sono troppo innamorato dell'Italia e voglio avere una famiglia e smettere questo lavoro, perché alla fine sono una persona semplice e umile e questo per me è solo un’esperienza di vita momentanea. 
Quindi, per ora mi godo il momento, ma poi so già che finirà.
Come tutto il resto.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.