Passa ai contenuti principali

I preti pedofili al tempo di papa Francesco

Finora la stampa italiana pare non aver dato il giusto risalto alle odiose pratiche in uso in Vaticano, come quella di proteggere i preti pedofili, insabbiando gli scandali, nascondendo i crimini, aiutando i criminali in ogni modo e colpevolizzando e perseguitando le vittime.

Neppure la politica italiana sembra essersi mossa con il giusto tempismo e sdegno contro lo Stato straniero, ad esempio, istituendo commissioni di inchiesta o rinegoziando o abolendo quelle parti dei Patti Lateranensi usate dal Vaticano per proteggere dalla giustizia italiana i loro schifosi preti pedofili.


Tali manchevolezze italiane vengono sottolineate nel nuovo libro di Emiliano Fittipaldi, Lussuria, edito da Feltrinelli.
Nel saggio, Fittipaldi racconta, con dovizia di particolari, come in Vaticano, anche al tempo del papato di Francesco, si sia più preoccupati di proteggere i preti pedofili e la reputazione e il patrimonio della Chiesa, piuttosto che spendersi per ripristinare il benessere delle vittime e delle loro famiglie.

Un modus operandi, ricorda Fittipaldi, denunciato anche dall’ONU che ha invitato il Vaticano a schierarsi dalla parte delle vittime e non dei carnefici. 
Dalla parte dei bambini (e bambine) anche quando tali bambini (e bambine) non fanno parte di quella enorme schiera di vittime dei preti pedofili, ma sono i figli di certi preti che del sesto comandamento hanno fatto scempio. Figli costretti, per volontà del Vaticano, a non conoscere mai l’identità dei loro padri. 

Fittipaldi, in Lussuria, dimostra come, anche durante il papato di Francesco, la Chiesa cattolica non si sia mossa con la dovuta energia per eliminare, o anche solo ostacolare, gli abusi commessi dai preti pedofili. 
Anzi, pare che, non solo abbia agito per tacitare le vittime e proteggere i preti pedofili, ma abbia anche premiato quei vescovi e cardinali che si sono impegnati nell'opera di insabbiamento della verità e in quella parallela di protezione dei tantissimi denari chiusi nei forzieri diocesani.
Ben tre dei nove altissimi prelati che fanno parte di coloro che papa Francesco ha chiamato accanto a sé per governare la Chiesa Universale (i cosidetti C9) sono coinvolti in scandali di pedofilia, sia in quanto accusati di aver insabbiato, sia in quanto sospettati di aver abusato di bambini. 
Tre altissimi prelati (George Pell; Francisco Javier Errázuriz e Óscar Rodríguez Maradiaga) che Francesco finora non ha rimosso dai loro incarichi, pur essendo a conoscenza delle accuse mosse nei lori confronti. 
Alla faccia della proclamata tolleranza zero contro la pedofilia all'interno della Chiesa!

Nel volume di Fittipaldi, oltre alle tristi vicende legate ai preti pedofili, vengono anche ricordate quelle boccaccesche che coinvolgono preti omosessuali e i loro adulti amanti più o meno consenzienti o prezzolati. Peccatori, ma non criminali come i preti pedofili, va ricordato.

Un saggio, quello di Fittipaldi, che si legge d’un fiato e che fa un ritratto chiaro di chi, oggi, sta guidando la Chiesa di Roma.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.