Passa ai contenuti principali

Come puoi dire no a Dio?


Il caso Spotlight, film del 2015 di Tom McCarthy, racconta l’inchiesta giornalistica del “The Boston Globe” che, nel 2001-2002, portò alla luce centinaia di casi di pedofilia avvenuti all'interno dell’arcidiocesi di Boston guidata dal cardinale della Chiesa cattolica Bernard Francis Law accusato dal quotidiano di avere insabbiato i reati di cui era a conoscenza.

Il film, benissimo interpretato da (tra gli altri) Mark Ruffalo, Michael Keaton e Rachel McAdams, mette in luce come i reati di pedofilia all'interno della Chiesa cattolica non fossero affatto dei casi isolati e che vi fosse un sistema messo a punto dai vertici della Chiesa per fare in modo che i preti pedofili potessero sfuggire alla giustizia. 

Preti pedofili che pescavano le loro vittime tra i ragazzini e le ragazzine appartenenti a famiglie disagiate. 
Vittime troppo giovani per capire subito le reali intenzioni e, una volta messi di fronte alla realtà, per rifiutarsi di cedere alle richieste dei loro preti.
D’altra parte, come dice una delle vittime sopravvissute, “Come puoi dire no a Dio?” 
Come si può, a 12-13 anni, dire no a un rappresentante di Dio che ti chiede di masturbarlo o di praticargli del sesso orale?

Ma, oltre a raccontare come la Chiesa avesse il potere di insabbiare e di manipolare le coscienze delle vittime, il film mostra anche come molte delle persone influenti di Boston fossero consapevoli di quanto stava avvenendo e chiudessero un occhio, facendo finta che la cosa non li riguardasse personalmente.
E c’è una frase che chiama tutti a un esame di coscienza: “Se serve una comunità per crescere un bambino, serve una comunità per abusarne”.
Non si può fare finta di nulla e girare la testa dall’altra parte.

Un film, Il caso Spotlight, che, oltre alle buone prove d’attore di tutto il cast, si avvale di una sapiente regia che punta a ritmi serrati che, però, non vanno a scapito della comprensione della vicenda.
Da vedere.

Una piaga, quella della pedofilia all’interno della Chiesa cattolica, che, purtroppo, continua tuttora, come ha dimostrato, con il libro Lussuria, Emiliano Fittipaldi. 

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.