Passa ai contenuti principali

Come puoi dire no a Dio?


Il caso Spotlight, film del 2015 di Tom McCarthy, racconta l’inchiesta giornalistica del “The Boston Globe” che, nel 2001-2002, portò alla luce centinaia di casi di pedofilia avvenuti all'interno dell’arcidiocesi di Boston guidata dal cardinale della Chiesa cattolica Bernard Francis Law accusato dal quotidiano di avere insabbiato i reati di cui era a conoscenza.

Il film, benissimo interpretato da (tra gli altri) Mark Ruffalo, Michael Keaton e Rachel McAdams, mette in luce come i reati di pedofilia all'interno della Chiesa cattolica non fossero affatto dei casi isolati e che vi fosse un sistema messo a punto dai vertici della Chiesa per fare in modo che i preti pedofili potessero sfuggire alla giustizia. 

Preti pedofili che pescavano le loro vittime tra i ragazzini e le ragazzine appartenenti a famiglie disagiate. 
Vittime troppo giovani per capire subito le reali intenzioni e, una volta messi di fronte alla realtà, per rifiutarsi di cedere alle richieste dei loro preti.
D’altra parte, come dice una delle vittime sopravvissute, “Come puoi dire no a Dio?” 
Come si può, a 12-13 anni, dire no a un rappresentante di Dio che ti chiede di masturbarlo o di praticargli del sesso orale?

Ma, oltre a raccontare come la Chiesa avesse il potere di insabbiare e di manipolare le coscienze delle vittime, il film mostra anche come molte delle persone influenti di Boston fossero consapevoli di quanto stava avvenendo e chiudessero un occhio, facendo finta che la cosa non li riguardasse personalmente.
E c’è una frase che chiama tutti a un esame di coscienza: “Se serve una comunità per crescere un bambino, serve una comunità per abusarne”.
Non si può fare finta di nulla e girare la testa dall’altra parte.

Un film, Il caso Spotlight, che, oltre alle buone prove d’attore di tutto il cast, si avvale di una sapiente regia che punta a ritmi serrati che, però, non vanno a scapito della comprensione della vicenda.
Da vedere.

Una piaga, quella della pedofilia all’interno della Chiesa cattolica, che, purtroppo, continua tuttora, come ha dimostrato, con il libro Lussuria, Emiliano Fittipaldi. 

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Innamorata di un gigolo bisessuale

Pubblicato agli inizi degli anni Sessanta del Novecento, La scuola della carne di Yukio Mishima, edito in Italia da Feltrinelli, è un romanzo estremamente moderno.
In esso si racconta la storia d’amore della quasi quarantenne Taeko, con il giovane gigolo ventunenne Senkichi, conosciuto in un locale gay dove svolge il lavoro di barman e dove si prostituisce indifferentemente con uomini e donne.
Senkichi è virile e distante, quasi altezzoso e, per denaro, disposto a fare qualsiasi cosa. Lei ne resta ammaliata e - dopo una notte di sesso mercenario - se ne innamora al punto che decide di fare progetti di vita assieme al fascinoso ragazzo.
Progetti che, via via, si fanno sempre più impegnativi anche dal punto di vista emotivo e che mutano di momento in momento data l’imprevedibilità caratteriale di Senkichi e la sua sete di libertà, successo e ricchezza.
Una storia che tiene il lettore incollato alla pagina e che è raccontata mantenendo il punto di vista della protagonista e procedendo con una…