Passa ai contenuti principali

10 coraggiosi coming out

Nichi Vendola, Tiziano Ferro, Nino Gennaro, Aldo Busi, Leo Gullotta, Rosario Crocetta, Anna Paola Concia, Titti De Simone, Franco Grillini e Gianni Vattimo hanno poco in comune tra loro, se non il fatto di essere tutti delle persone gay o lesbiche e di essere impegnati chi in politica, chi nella cultura o chi in entrambi i campi (Vendola, ad esempio).
Eppure li accomuna un fatto, il coming out, che li ha resi, agli occhi della scrittrice eterosessuale Daniela Gambino dei “casi” esemplari la cui storia è degna di essere raccontata ai giovani GLBT, con la speranza che possa essere loro d’aiuto ad affrontare e superare un passaggio difficile, quello, appunto, della dichiarazione pubblica della propria “diversità”.

Le storie personali dei dieci personaggi di cui sopra sono state pubblicate dalla scrittrice presso la Lauriana Editore nel 2011 (accompagnate dalla prefazione di Matteo B. Bianchi) e il loro carattere di esempio positivo non è venuto meno in questi anni, né, purtroppo, è venuta meno la necessità di indicare ai giovani GLBT dei modelli positivi a cui guardare per farsi coraggio in questa Italia che, negli anni trascorsi dal 2011 a oggi, è cambiata poco; anzi, a parte il dato positivo dell’approvazione della Legge sulle Unioni civili, è, a detta di molti, peggiorata, in quanto sostanzialmente più omofoba.

La Gambino dichiara che la scelta dei personaggi di cui raccontare la storia in 10 gay che salvano l'Italia oggi non è stata facile e di avere «scelto persone che hanno dimostrato una forza indicibile, cosa che li rende straordinari»; ragione per la quale, dei dieci, l’autrice disegna un ritratto che è soprattutto un tributo.
Un tributo al loro coraggio, alla loro forza di volontà, al loro impegno nel sociale e nella cultura.
Ritratti fatti con occhi ammirati e che vanno al di là del mero dato biografico, tanto che il libro, pur a distanza di anni e pur essendo inevitabilmente sopraggiunti altri avvenimenti importanti nella vita di ognuno dei 10 “esempi”, non ha perso di interesse e, soprattutto, di utilità.

10 gay che salvano l'Italia oggi è, dunque, un libro di cui si consiglia la lettura.


Altre recensioni alla Saggistica GLBT

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.