Passa ai contenuti principali

Mario Mieli checca rivoluzionaria

Mario Mieli (1952 - 1983) è stato un teorico e militante GLBT tra i più importanti del nostro Paese. Eppure, per molto tempo, pare essere stato relegato ai margini del dibattito teorico, forse a causa della sua carica rivoluzionaria, ancora oggi, per certi versi, in anticipo sui tempi.
A Mario Mieli le Edizioni Clichy dedicano un bel volumetto curato da Silvia De Laude che si legge in meno di una giornata e che va letto se si vuole conoscere Mieli sia come uomo, sia come teorico e militante.

Mario Mieli. E adesso si divide in due parti: la prima traccia un profilo biografico e critico del Mieli teorico, romanziere, militante e performer; la seconda sezione del volume presenta una selezione di scritti di Mieli a loro volta divisi (e riuniti) per temi.
Ne esce il ritratto di un uomo e pensatore in anticipo sui tempi; insofferente a ogni compromesso e refrattario all'ipotesi che una persona GLBT potesse aderire allo stile di vita proposto dalla società eteronormata.
Ciò, ad esempio, lo portò a schierarsi contro il matrimonio omosessuale. Una scelta di campo che lungi dall'essere retrograda e passatista, rivela, invece, una carica eversiva senza pari. Scrive, infatti, Mieli in Elementi di critica omosessuale (il suo libro più noto):

La prospettiva del matrimonio tra omosessuali interessa molto più il sistema che gli stessi gay riformisti. [...]
Lo status quo eterosessuale, tramite il «progressismo», medita un’integrazione totale dell’omosessualità, un suo rientro (dalla porta di servizio) nelle strutture della famiglia.  

Mieli non voleva aderire al modello sociale fondato sulla famigliola eterosessuale di stampo borghese e propagandata anche dalla pubblicità. Al contrario, insisteva sulla necessità, sia per le persone GLBT, sia per le donne, di lottare proprio per distruggere tale modello, convinto com'era che solo la distruzione della norma castrante eterosessuale avrebbe condotto tutti verso la libertà.
Non stupisce, allora, che il pensiero e l’azione di Mieli siano stati, in qualche modo, messi in un canto anche da certa parte del movimento omosessuale, quello desideroso di aderire al modello di normalità domestica e addomesticata proposto da certa borghesia eterosessuale e maschilista.

Anche come maschio Mieli fu rivoluzionario e in anticipo suoi tempi.
Egli, in Elementi di critica omosessuale, dichiarava di essere «contento di essere una checca evidente, “femminile”» e nel suo vivere quotidiano si presentava in pubblico a volte in abiti maschili, altre in abiti femminili e altre ancora in abiti che univano il maschile e il femminile.
Ciò anche in ragione del fatto che Mieli fece del proprio travestitismo un atto performativo e militante.
A livello sessuale, infine, rivendicò con orgoglio il suo essere un “perverso e polimorfo”, e auspicò per tutti una liberazione sessuale che andasse verso una fluidità che ricorda (o, forse, anticipa) l’attuale movimento gender-fluid.

Mario Mieli, dunque, è stato un eroico militante (memorabili le sue lotte e le performance provocatorie), un uomo e un teorico da scoprire o riscoprire e che ha ancora tanto da insegnare.  


Guarda l’elenco di Saggistica GLBT 

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.