Passa ai contenuti principali

Gender | La Rivoluzione

Lo stesso titolo per due prodotti che si completano l’un l’altro

I gemelli Caleb ed Emmie
I gemelli Caleb ed Emmie Smith
alla nascita entrambi maschi
Dal 3 gennaio di quest’anno il “National Geographic” ha diffuso in edicola un numero monografico speciale dal titolo Gender. La rivoluzione.
Il 31 gennaio, sul canale del National Geographic è stato trasmesso il documentario di 90 minuti a firma della giornalista statunitense Katie Couric dal titolo Gender, la rivoluzione che, ora, è disponibile nelle edicole in DVD.

I due prodotti (il mensile e il documentario), a parere di chi scrive, hanno il medesimo titolo (anche se uno mette un punto tra gender e rivoluzione e l’altro una virgola), in quanto si completano l’un l’altro.
Infatti, pur essendo due prodotti che possono essere pienamente fruiti separatamente (e non è un caso che sono stati distribuiti nelle edicole in due momenti distinti); essi, uniti, diventano un vero e proprio strumento indispensabile per quanti vogliano capire a fondo e senza preconcetti la “questione gender”.
Due prodotti non pensati in modo specifico per un pubblico di persone GLBT, ma per quel pubblico affezionato e curioso di lettori e spettatori del “National Geographic” che desidera approfondire l’argomento.
Ecco, allora, ad esempio, la ragione per la quale, in entrambi i prodotti, vi è una “premessa terminologica” atta a far prendere confidenza i non addetti ai lavori con espressioni come “orientamento sessuale” o “identità di genere”...

Il mensile

Gender. La rivoluzione
Il mensile, i cui articoli sono corredati da magnifiche fotografie, affronta diffusamente non solo la questione del genere e della transessualità, ma anche quella relativa all'orientamento sessuale e al binarismo di genere, non mancando, in pieno stile “National Geographic”, di verificare cosa voglia dire, in varie parti del mondo, essere maschi o femmine o cosa prevedono i “riti di passaggio”.

Il DVD

Gender, la rivoluzione
Il documentario, invece, si focalizza quasi esclusivamente sull'identità e la fluidità di genere, sull'intersessualità e la transessualità con una serie di interviste a medici, scienziati, esperti del settore, persone transgender, genitori di minori transgender, partner di persone transgender, persone che dichiarano di sentirsi gender fluid e persone cisgender a volte decisamente transfobiche.
Il tutto analizzando quelli che sono gli aspetti scientifici, politici e culturali della questione, non nascondendo una vera e propria empatia nei confronti delle persone intersessuali, transgender o gender fluid.

Per capire la Rivoluzione

Vale la pena, dunque, procurarsi entrambi i prodotti, per avere una visione il più possibile completa di quella che è una vera e propria “rivoluzione” in atto sia per quanto riguarda l’identità di genere e sia per quanto attiene l’orientamento sessuale.
E non è un caso che, sia nel mensile, sia nell'inchiesta giornalistica, è stato dato ampio spazio ai giovani e giovanissimi che, di questa “rivoluzione” (ma, forse, sarebbe meglio parlare di evoluzione), sono i principali artefici e protagonisti.

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.