Passa ai contenuti principali

Gender | La Rivoluzione

Lo stesso titolo per due prodotti che si completano l’un l’altro

I gemelli Caleb ed Emmie
I gemelli Caleb ed Emmie Smith
alla nascita entrambi maschi
Dal 3 gennaio di quest’anno il “National Geographic” ha diffuso in edicola un numero monografico speciale dal titolo Gender. La rivoluzione.
Il 31 gennaio, sul canale del National Geographic è stato trasmesso il documentario di 90 minuti a firma della giornalista statunitense Katie Couric dal titolo Gender, la rivoluzione che, ora, è disponibile nelle edicole in DVD.

I due prodotti (il mensile e il documentario), a parere di chi scrive, hanno il medesimo titolo (anche se uno mette un punto tra gender e rivoluzione e l’altro una virgola), in quanto si completano l’un l’altro.
Infatti, pur essendo due prodotti che possono essere pienamente fruiti separatamente (e non è un caso che sono stati distribuiti nelle edicole in due momenti distinti); essi, uniti, diventano un vero e proprio strumento indispensabile per quanti vogliano capire a fondo e senza preconcetti la “questione gender”.
Due prodotti non pensati in modo specifico per un pubblico di persone GLBT, ma per quel pubblico affezionato e curioso di lettori e spettatori del “National Geographic” che desidera approfondire l’argomento.
Ecco, allora, ad esempio, la ragione per la quale, in entrambi i prodotti, vi è una “premessa terminologica” atta a far prendere confidenza i non addetti ai lavori con espressioni come “orientamento sessuale” o “identità di genere”...

Il mensile

Gender. La rivoluzione
Il mensile, i cui articoli sono corredati da magnifiche fotografie, affronta diffusamente non solo la questione del genere e della transessualità, ma anche quella relativa all'orientamento sessuale e al binarismo di genere, non mancando, in pieno stile “National Geographic”, di verificare cosa voglia dire, in varie parti del mondo, essere maschi o femmine o cosa prevedono i “riti di passaggio”.

Il DVD

Gender, la rivoluzione
Il documentario, invece, si focalizza quasi esclusivamente sull'identità e la fluidità di genere, sull'intersessualità e la transessualità con una serie di interviste a medici, scienziati, esperti del settore, persone transgender, genitori di minori transgender, partner di persone transgender, persone che dichiarano di sentirsi gender fluid e persone cisgender a volte decisamente transfobiche.
Il tutto analizzando quelli che sono gli aspetti scientifici, politici e culturali della questione, non nascondendo una vera e propria empatia nei confronti delle persone intersessuali, transgender o gender fluid.

Per capire la Rivoluzione

Vale la pena, dunque, procurarsi entrambi i prodotti, per avere una visione il più possibile completa di quella che è una vera e propria “rivoluzione” in atto sia per quanto riguarda l’identità di genere e sia per quanto attiene l’orientamento sessuale.
E non è un caso che, sia nel mensile, sia nell'inchiesta giornalistica, è stato dato ampio spazio ai giovani e giovanissimi che, di questa “rivoluzione” (ma, forse, sarebbe meglio parlare di evoluzione), sono i principali artefici e protagonisti.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Innamorata di un gigolo bisessuale

Pubblicato agli inizi degli anni Sessanta del Novecento, La scuola della carne di Yukio Mishima, edito in Italia da Feltrinelli, è un romanzo estremamente moderno.
In esso si racconta la storia d’amore della quasi quarantenne Taeko, con il giovane gigolo ventunenne Senkichi, conosciuto in un locale gay dove svolge il lavoro di barman e dove si prostituisce indifferentemente con uomini e donne.
Senkichi è virile e distante, quasi altezzoso e, per denaro, disposto a fare qualsiasi cosa. Lei ne resta ammaliata e - dopo una notte di sesso mercenario - se ne innamora al punto che decide di fare progetti di vita assieme al fascinoso ragazzo.
Progetti che, via via, si fanno sempre più impegnativi anche dal punto di vista emotivo e che mutano di momento in momento data l’imprevedibilità caratteriale di Senkichi e la sua sete di libertà, successo e ricchezza.
Una storia che tiene il lettore incollato alla pagina e che è raccontata mantenendo il punto di vista della protagonista e procedendo con una…