Passa ai contenuti principali

La visibilità infastidisce | Ecco chi e perché

La visibilità è sempre un atto politico

Rendere visibili - ossia noti - il proprio orientamento sessuale e/o la propria identità di genere e/o i propri comportamenti sessuali è importante, in quanto il privato reso pubblico diventa sempre un atto politico e, spesso, esso ha un effetto “sovversivo” tra i benpensanti, conformisti e conservatori, oltre ad avere, come benefica conseguenza, quella di rendere palesemente reali e rivendicabili gli stili di vita non conformi.

Ecco chi è infastidito dalla visibilità altrui

Proprio l’effetto sovversivo della visibilità e la sua opera di rivendicazione infastidisce principalmente 
  • sia coloro che sono convinti che la sessualità sia “normale” solo se riguarda persone eterosessuali e cisgender; 
  • sia quanti pensano che la sessualità riguardi esclusivamente la sfera della privacy; 
  • e sia quanti, pur non essendo eterosessuali e/o cisgender, si presentano in pubblico come tali.

Ecco perché sono infastiditi

Va detto che coloro che fingono di essere eterosessuali e/o cisgender (chiamati “velate” dalle persone serenamente GLBT), fanno di tutto per nascondere agli altri la propria intimità e identità. 
Ciò fa sì che, spesso, si sentano minacciati da quanti, al contrario, non hanno nulla da nascondere, in quanto, non vergognandosi di se stessi e non soffrendo di omofobia interiorizzata, si rendono pienamente visibili.
Alle “velate” si consiglia di affrontare le loro paure con serietà, al fine di risolvere i problemi legati all’auto-accettazione e all'omofobia interiorizzata.

Quanti, invece, chiamano in causa la privacy con frasi del tipo “Che necessità c’è di dirlo?” e “A casa propria liberi di fare ciò che si vuole”, dimostrano di confondere la privacy con la segretezza.
A costoro basterebbe rispondere semplicemente che ognuno è libero di essere ciò che è sia a casa sia fuori casa; e ricordare che la privacy non è un sinonimo di segretezza ma, come sanno bene nei paesi anglosassoni, è il diritto a non essere osservati o disturbati dalle altre persone quando ci si trova in intimità. 
Chi è visibile non ha rinunciato alla propria privacy, che rivendica in quelle occasioni in cui è davvero necessaria.

Infine, a quanti ritengono che sia “normale” solo la sessualità delle persone eterosessuali e cisgender, oltre a ricordare che esistono milioni di persone che sono bisessuali, omosessuali o transgender, si consiglia di non usare le parole “normale” e “usuale” come fossero sinonimi (Ecco perché Usuale e Normale non sono sinonimi). 
Costoro devono prendere coscienza del fatto che la realtà è ben diversa da come la disegnano gli eteronormativi.
La realtà è un arcobaleno di colori ed è in costante divenire.

Il bonus visibilità

Se la visibilità infastidisce certe persone, va detto che essa, al contrario, il più delle volte rende la vita più semplice proprio a chi sceglie di rendersi visibile, in quanto non deve più condurre una snervante doppia vita e può specchiarsi senza arrossire.

Guarda anche il video Visibilità

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.