Passa ai contenuti principali

L'incontro di due disadattati

Ti guardo di Lorenzo Vigas, Leone d’oro alla 72esima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, racconta l’incontro tra due disadattati: il maturo Armando e il giovane Élder.

Armando (impersonato da Alfredo Castro) paga i ragazzi per poter guardare il loro fondoschiena mentre si masturba ed è ossessionato dal padre che segue di nascosto e che vorrebbe morto.

Élder (interpretato da Luis Silva) è un teppista e un omofobo che finge di acconsentire alle richieste di Armando, ma lo aggredisce e lo deruba.

Nonostante l’aggressione subita, o proprio in ragione di essa, Armando riavvicina il ragazzo e, pian piano, ne riesce a ottenere la fiducia e la stima, diventando per il giovane una sorta di padre.
Entrambi gli uomini soffrono di omofobia interiorizzata, ma il loro ambiguo e fragile rapporto padre-figlio è destinato a diventare vera e propria attrazione fisica.
Il contatto dei corpi è cercato dal giovane, ma respinto da Armando che, da vero manipolatore, spinge Élder a un atto estremo. 
Solo compiuto tale crimine (di cui qui si tace la natura per non raccontare troppo del film), Armando concede al ragazzo il contatto fisico.
Ma la loro non è storia destinata al lieto fine…

Il film - nonostante l’ambito riconoscimento di cui si è detto - non pare un prodotto completamente risolto.
Forse, a causa della scarsità dei dialoghi, allo spettatore comune potrebbe, ad esempio, sfuggire il fatto che ad essere un vero e proprio disadattato non è solo il giovane teppista, ma anche il maturo voyeur che vive covando sentimenti di odio verso il proprio padre e rifugge dal contatto fisico con chicchessia.

Come potrebbe non essere di facile comprensione anche la dinamica manipolatoria messa in atto da Armando che, ottenuta la fiducia e l’affetto del ragazzo, lo spinge subdolamente verso il baratro.

Racconta, invece, assai bene l’ambiente degradato in cui si muovono i personaggi fatto di miseria, violenza, machismo e ossessione omofoba.

Ti guardo è, comunque, un ottimo esordio registico ed è un film da vedere.

Il DVD di Ti guardo è disponibile su Amazon 

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.