Passa ai contenuti principali

L'incontro di due disadattati

Ti guardo di Lorenzo Vigas, Leone d’oro alla 72esima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, racconta l’incontro tra due disadattati: il maturo Armando e il giovane Élder.

Armando (impersonato da Alfredo Castro) paga i ragazzi per poter guardare il loro fondoschiena mentre si masturba ed è ossessionato dal padre che segue di nascosto e che vorrebbe morto.

Élder (interpretato da Luis Silva) è un teppista e un omofobo che finge di acconsentire alle richieste di Armando, ma lo aggredisce e lo deruba.

Nonostante l’aggressione subita, o proprio in ragione di essa, Armando riavvicina il ragazzo e, pian piano, ne riesce a ottenere la fiducia e la stima, diventando per il giovane una sorta di padre.
Entrambi gli uomini soffrono di omofobia interiorizzata, ma il loro ambiguo e fragile rapporto padre-figlio è destinato a diventare vera e propria attrazione fisica.
Il contatto dei corpi è cercato dal giovane, ma respinto da Armando che, da vero manipolatore, spinge Élder a un atto estremo. 
Solo compiuto tale crimine (di cui qui si tace la natura per non raccontare troppo del film), Armando concede al ragazzo il contatto fisico.
Ma la loro non è storia destinata al lieto fine…

Il film - nonostante l’ambito riconoscimento di cui si è detto - non pare un prodotto completamente risolto.
Forse, a causa della scarsità dei dialoghi, allo spettatore comune potrebbe, ad esempio, sfuggire il fatto che ad essere un vero e proprio disadattato non è solo il giovane teppista, ma anche il maturo voyeur che vive covando sentimenti di odio verso il proprio padre e rifugge dal contatto fisico con chicchessia.

Come potrebbe non essere di facile comprensione anche la dinamica manipolatoria messa in atto da Armando che, ottenuta la fiducia e l’affetto del ragazzo, lo spinge subdolamente verso il baratro.

Racconta, invece, assai bene l’ambiente degradato in cui si muovono i personaggi fatto di miseria, violenza, machismo e ossessione omofoba.

Ti guardo è, comunque, un ottimo esordio registico ed è un film da vedere.

Il DVD di Ti guardo è disponibile su Amazon 

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Kimera | Donna Dominante

Nella video-intervista Kimera racconta a Danilo Ruocco la sua esperienza di donna dominante che, in un decennio, l'ha vista attiva sulla scena BDSM soprattutto come mistress di uomini sottomessi, ma anche di donne sottomesse.