Passa ai contenuti principali

L'editoria periodica LGBT in mostra a Milano


Grazie al collezionista Luca Locati Luciani che ha prestato i materiali e ne ha curato l'allestimento (con la consulenza di Giovanni Dall'Orto), alla Biblioteca Sormani di Milano, fino al 16 settembre 2017, è possibile visitare gratuitamente la mostra QueerOdicals. Editoria periodica LGBT dal 1870 a oggi nella collezione di Luca Locati Luciani.

Si tratta di un'esposizione di grande interesse storico in quanto rende plasticamente evidente il fatto che i periodici rivolti a un pubblico di lettori gay, lesbo, bisex e transgender abbiano progressivamente favorito la nascita di una comunità di persone GLBT consapevoli dei propri diritti e politicamente attive nella rivendicazione degli stessi.
Periodici che, in era pre-Web, sono stati per lungo tempo l'unico mezzo di informazione per persone spesso isolate ed emarginate dal resto della società e, per troppi anni, considerate addirittura malate di mente.

L'esposizione prende in considerazione sia l'editoria internazionale, sia quella italiana, mostrando nelle bacheche gli originali (spesso introvabili) delle riviste edite fino al 1970 e in pannelli le riproduzioni delle copertine dei periodici editi dal 1970 ad oggi (compreso il numero de Il Simposio dedicato alla memoria di Alessandro Rizzo, collaboratore di questo sito fino al giorno della sua prematura scomparsa).
Si possono, così, vedere le copertine di storiche riviste come, ad esempio, "Die Insel"; "The Ladder"; "Der Eigene"; "Inversions"; "Physique Pictorial"; "Fuori!"; "Lambda"; "Babilonia" e "Pride".


La mostra è stata inaugurata ieri sera con un convegno dedicato al mondo del collezionismo e dell'informazione GLBT a cui hanno preso parte, tra gli altri, Luca Locati Luciani; Giovanni Dall'Orto; Franco Grillini; Felix Cossolo e Sara De Giovanni, responsabile del centro di documentazione del Cassero di Bologna che ha, tra l'altro, reso nota la donazione che Luca Locati Luciani ha fatto al Cassero al fine di costituire un fondo intitolato alla memoria di Alessandro Rizzo. 

Una mostra, quella in Sormani, da non mancare.

Franco Grillini e Luca Locati Luciani

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.