Passa ai contenuti principali

Ecco chi dovrebbe leggere Mario Mieli

Elementi di critica omosessuale di Mario Mieli torna in libreria edito da Feltrinelli.
La prima edizione era uscita nel 1977 da Einaudi e la seconda, ampliata, da Feltrinelli nel 2002.
Quarant'anni per un libro “militante” sono tanti e anche il “manifesto” di Mieli risente del passare del tempo, anche se possiede ancora una notevole carica rivoluzionaria.

Legato com’è al clima degli Anni Settanta e a quanto veniva elaborato all’interno dei collettivi di autocoscienza molto in voga a quei tempi, il libro, oggi, può addirittura apparire, in certe sue parti, un po’ ingenuo, oltre che assurdamente utopistico.
La lettura di alcune parti, poi, può risultare difficile e faticosa a quanti non padroneggiano certi linguaggi e gerghi, come il linguaggio psicoanalitico o i gerghi in uso negli ambienti omosessuali o in quelli della lotta comunista degli Anni Settanta.

Ma, nonostante quanto ora detto, la lettura del saggio di Mieli va affrontata.
E non solo se si è un/una giovane gender-fluid e pansessuale per scoprire in Mieli un/a padre/madre della teoria queer (Mieli, probabilmente, oggi si definirebbe “queer”), ma anche e soprattutto se si è un gay o una lesbica “vecchio stampo”: uno/a di quelli/e, ad esempio, che pensano che o si è gay e lesbiche al 100% o si è “confusi”.
A tali gay e lesbiche “vecchia maniera” la lettura di Mieli potrebbe essere utile per comprendere come la loro visione dell’essere umano sia, tutto sommato, limitata e, a tratti, addirittura ridicola, in quanto frutto di una serie di negazioni che non hanno ragione di esistere.
Infatti, la sessualità è una bizzarra esplosione di desideri e non il risultato esatto di un’operazione matematica. 
Esplosione di desideri che incontrano altri desideri.
Desideri che mutano (anche drasticamente) nel corso del tempo (e anche in tempi assai rapidi).
Ecco, allora, che, afferma Mieli, un giorno ci si può sentire uomini omosessuali, e un altro ci si può sentire donne!

E tale mutevolezza è data dal fatto che (partendo da Freud) Mieli ricorda come l’essere umano nasca “perverso e polimorfo” e venga indotto, tramite l’educastrazione (suo neologismo che non ha bisogno di spiegazioni), a una monosessualità che lo rende mutilo.
Per ritornare alla pienezza erotica originaria bisogna lottare contro la Norma imposta dalla società eterosessuale e scoprirsi polisessuali, liberando i propri multiformi desideri erotici.

Va da sé che la lettura di Mieli è utilissima anche alle persone eterosessuali, specie a quelle che sono convinte di essere “immuni” dal provare desideri omosessuali. 
A tali persone, la lettura di Mieli, probabilmente, farebbe scoprire come sono vittime di un Sistema che le ha violentemente represse.

Infine, la lettura del saggio potrebbe essere utile anche ai moralisti e agli inibiti di ogni genere che pensano che vi sia un sol modo “giusto” di fare sesso. Costoro scoprirebbero che Mieli va oltre ogni loro più ardita immaginazione.


Elementi di critica omosessuale è disponibile in Amazon 

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…