Passa ai contenuti principali

Lord Byron svelato da Buffoni

Pubblicato nel 2012 da Fazi, Il servo di Byron di Franco Buffoni è un romanzo delizioso in cui viene narrata la biografia del grande poeta, fingendo che a raccontarne le gesta sia Fletcher, suo fidato cameriere personale; schiavo sessuale e amante di tutta la vita.

I due, racconta il servo, si conobbero quando avevano entrambi sedici anni e vissero assieme fino alla morte di Byron, avvenuta nel 1824, in Grecia, all'età di 36 anni.
Una vita, quella di George Gordon Noel Byron segnata dalla fuga. 
Fuga dall'Inghilterra omofoba che condannava alla gogna e alla morte i sodomiti. 
Fuga da se stesso, in perpetua lotta (a tratti vittoriosa) contro la propria omofobia interiorizzata.

Un ritratto di Lord Byron
Byron, racconta Fletcher, provava sentimenti d’amore solo nei confronti di ragazzi giovanissimi, mentre - soprattutto per allontanare da sé il sospetto che fosse omosessuale - intratteneva relazioni sessuali con diverse donne che, affascinate dalla sua fama di tenebroso dongiovanni, perdevano al testa per lui.
Ma, morta la madre, il primo amore e l’amico fidato, Byron considerò anche la possibilità di vivere da eterosessuale, sposandosi.
Il matrimonio, però, durò solo 11 mesi, nei quali, insoddisfatto dalla soluzione adottata per sfuggire alla propria natura, spinse il suo rapporto con Fletcher fino al sadomaso cruento.

Fletcher, perdutamente innamorato del suo padrone, ne accettò la natura e gli eccessi e si piegò a diventarne il compagno di giochi (che spesso coinvolgevano terzi) e paraninfo.
E, morto Byron, Fletcher scrive la biografia del padrone per ristabilire la verità, contro chi, invece, si affannava a costruire del grande poeta un’agiografia lontana dalla realtà, in cui il tormento interiore di cui soffrì Byron non era causato dalla sua omosessualità, ma da altro (tra cui, come piacque allo stesso Byron far credere, dalla sua relazione incestuosa con la sorellastra Augusta Leigh o, come alcuni ebbero a sostenere, dal suo essere claudicante).

Un romanzo, quello di Buffoni, che si legge d’un fiato e che fa luce sia sulla natura di Lord Byron (che, con gli “iniziati” come lui, si definiva “gay”); sia su alcuni dei suoi scritti, svelandone il processo di “ritrattazione” con cui, formalmente, condannava il “vizio innominabile”, mentre ne raccontava le qualità. 
Opere, quelle di Byron, che, spesso, hanno per oggetto personaggi che appartengono al genere femminile solo nominalmente: in realtà sono dei bellissimi ragazzi e come tali vanno visti (così come li vedevano gli “iniziati” che sapevano). 

Il servo di Byron è disponibile in Amazon 

Altre recensione di Letteratura GLBT 

Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…