Passa ai contenuti principali

Rosa maschio | Il gender e i colori

Molti pensano che la Natura o Dio abbiano destinato il colore azzurro ai maschietti e quello rosa alle femminucce.
Ovviamente, l’assegnazione di un colore a un genere piuttosto che a un altro è frutto di una convenzione e Dio o la Natura non sono in alcun modo coinvolti nel pretendere che a un uomo sia più idoneo l’azzurro, mentre a una donna il rosa.

Anzi, più esattamente, va detto che l’abitudine di assegnare il rosa alle signore e l’azzurro agli uomini è abbastanza recente, ovvero ha, più o meno, un secolo.
Fino alla fine dell’Ottocento, infatti, il rosa era considerato un colore prettamente maschile in quanto «versione addolcita del rosso, tinta focosa e virile per antonomasia; mentre il celeste era il colore delle bambine in omaggio al manto della madonna.»*.

Per farsi un’idea del colore degli abiti in voga nelle epoche passate, si può guardare con attenzione all'arte figurativa che, manco a dirlo, mostra assai spesso maschi abbigliati di rosa.
Moroni, Cavaliere in rosa
Ad esempio, sono molteplici gli uomini del Rinascimento ritratti da Giovan Battista Moroni a indossare capi di colore rosa: dal celebre Cavaliere in rosa al Sarto.
Il primo, ritrae il cavaliere Gian Gerolamo Grumelli abbigliato con un vestito dalla foggia spagnoleggiante e di un acceso rosa corallo.
Il secondo, invece, ritrae un borghese (un venditore di tessuti, più che un sarto vero e proprio) che indossa un calzone di colore rosso (di cui, come detto, il rosa era variante “addolcita”).

Pencz, Ritratto di giovane seduto
E, forse, non è un caso che ad essere di quel colore sia proprio il calzone del sarto e non il suo farsetto: le braghe nascondono e contengono i genitali maschili e in tanti altri quadri “il pacco” dei soggetti ritratti, appartenenti a ogni estrazione sociale, è proprio di un bel color rosa-carico.
Lo testimoniano, ad esempio, il Ritratto di un soldato del Moroni stesso o l’assai esplicito Ritratto di giovane seduto di Georg Pencz.

Moroni, Ritratto di un soldato
Ma non si pensi che il rosa sia colore d’abito adatto solo a personaggi rinascimentali. Celebre, ad esempio, è il vestito di tale colore indossato da Gatsby per un pranzo descritto nel famoso capolavoro del 1925 di Francis Scott Fitzgerald.
E, ancora nel 1914, un quotidiano statunitense consigliava le mamme di vestire di rosa i maschietti per rispettare la tradizione**.

Moroni, Il sarto
Insomma, paradossalmente, oggi quei maschi che decidono di indossare capi d’abbigliamento di colore rosa, stanno tornando, probabilmente inconsapevolmente, a un colore che è stato per secoli associato alla virilità, con buona pace di coloro che sostengono a spada tratta che di rosa devono vestire le femminucce, mentre i maschietti vestono di azzurro. 


__________________
* Riccardo Falcinelli, Cromorama. Come il colore ha cambiato il nostro sguardo, Torino, Einaudi, 2017, pp. 339-340.
** Cfr. ibidem, p. 340. 

Commenti

Post più letti

La vignetta omofoba di Vauro

Vauro ha chiuso la puntata di giovedì scorso di “Servizio pubblico” mostrando una vignetta sulla polemica relativa all’outing postumo di Lucio Dalla. Premesso che di outing si tratta, in quanto Dalla, da vivo, non ha mai dichiarato la propria omosessualità e premesso che l’outing plateale arriva da colui che tutti indicano come il suo ultimo compagno, ovvero quel Marco Alemanno che in chiesa, durante i funerali, ne ha pianto disperatamente la morte, continuare a insistere che la privacy di Dalla vada rispettata anche dopo la sua morte è e resta omofobia. L’outing c’è stato e mi pare davvero fuori luogo, ora, tentare di sorvolare dichiarando che il fatto che fosse un omosessuale è ininfluente, un dettaglio insignificante. Non è indifferente. Dalla era omosessuale e, molto probabilmente, vittima della sua omofobia interiorizzata che gli ha impedito, per tutta la vita, di dichiarare al mondo la sua omosessualità. Di dire: “Io amo e amo un uomo”. Ora, fare come Vauro e pubblicare una vignett…

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

R.I.P. ALESSANDRO RIZZO

Mi tocca dare la tristissima notizia della morte di Alessandro Rizzo, amico e collaboratore di questo blog e de Il Simposio di cui è stato uno dei fondatori ed entusiasti animatori. Alessandro è scomparso improvvisamente domenica scorsa, ma io l'ho saputo solo poco fa. Proprio domenica mi aveva inviato dei suoi articoli per la pubblicazione. Aggiungo solo che Alessandro mancherà a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di poter fare progetti con lui. Era una persona davvero disponibile e un attivista per i diritti GLBT sempre attento e partecipe. Alessandro era nato il 7 novembre 1977. R.I.P. Alessandro.