Passa ai contenuti principali

Morire per un bacio

Un bacio di Ivan Cotroneo edito da Bompiani è un racconto crudo ispirato da un terribile fatto di cronaca avvenuto negli Stati Uniti.

L’Autore ambienta la vicenda in una scuola italiana e, per raccontarla, assume, di capitolo in capitolo, i punti di vista di tre delle persone coinvolte: Lorenzo, la vittima; Elena la professoressa che tenta di proteggere il suo allievo e Antonio, compagno di classe di Lorenzo e suo assassino.
Lorenzo e Antonio che sono i veri protagonisti del fatto, raccontano in prima persona, mentre il punto di vista di Elena che, in fondo, è coinvolta solo marginalmente, è narrato in terza persona.

La storia è banale e semplice, per quanto atroce: Lorenzo, che non fa nulla per nascondere la propria diversità, è innamorato di Antonio e, per questo, lo corteggia. 
Antonio non sa gestire le attenzioni di Lorenzo e, forse, neppure riesce a comprendere del tutto le proprie pulsioni. Così, impaurito da quanto possono pensare di lui i compagni di classe, e confuso da quanto sta provando, dopo un bacio datogli da Lorenzo durante una colluttazione, si reca in classe armato e lo uccide.

Cotroneo descrive i suoi personaggi per via indiretta: ossia, soprattutto, “mimandone” il linguaggio, o, meglio sarebbe dire, il pensiero.
E, così, di Lorenzo il lettore si fa l’idea di un ragazzino fragile, riflessivo, ma, al tempo stesso, capace di farsi coraggio e vivere la propria omosessualità, anche assumendo atteggiamenti palesemente provocatori, come il laccarsi le unghie o l’indossare magliette femminili.
Elena è una professoressa attenta ai suoi alunni, ma anche schiacciata dal suo senso di inadeguatezza: vive inchiodata al ricordo di un amore platonico per una sua ex allieva e non si rende perfettamente conto della tragedia che sta per compiersi sotto i suoi occhi nella sua classe.
Antonio è un ragazzone con una dramma familiare alle spalle che ne ha segnato la crescita: il fratello maggiore è morto in un’incidente e i suoi genitori si sono chiusi in se stessi, diventando completamente anaffettivi nei suoi confronti.
Antonio - come detto - è un ragazzo confuso e, forse, neppure si rende perfettamente conto di desiderare sessualmente Lorenzo (se è vero che il compagno gli si presenta nella mente anche mentre si sta masturbando).
Impaurito e incapace di affrontare la situazione, spara.

Un bacio di Cotroneo è un libro potente che si legge in un soffio e descrive assai bene, denunciandola, la violenza omofobica di cui quotidianamente sono vittime gli adolescenti omosessuali all’interno degli istituti scolastici che, invece, dovrebbero proteggerli e aiutarli a crescere sereni.


Commenti

Post più letti durante la settimana

Le parole del porno

Quasi sempre i filmini porno online hanno titoli e definizioni in inglese. Ecco un elenco di alcune parole assai comuni nei siti pornogay con traduzione e, quando serve, spiegazione della pratica. Dall’elenco sono state escluse pratiche troppo “specifiche” e, ovviamente, le parole del lessico quotidiano che non si riferiscono a una pratica sessuale. L’elenco può essere arricchito e corretto dai vostri suggerimenti. Attenzione: se prosegui la lettura, sappi che ti troverai a leggere parole assai esplicite.

Perché i pornoattori lo hanno grosso?

Sia nei film pornografici rivolti a un pubblico eterosessuale, sia in quelli per un pubblico gay, in genere, il maschio che penetraè dotato di unpene più grande della media. Le inquadrature ne esaltano la grandezza e l’attrice o l’attore che lo riceve, di solito, ne valorizza le misure o con espressioni di stupore o con altre di gradimento. Al contrario, un membro virile normale o più piccolo rispetto alla media nei video porno è trattato con sufficienza, quando non addirittura sbeffeggiato.
L’esaltazione cinematografica del membro virile anche nella pornografia rivolta a un pubblico maschile eterosessuale fa nascere alcune domande. Ad esempio, ci si interroga sul motivo per il quale un maschio eterosessuale senta l’esigenza, durante la visione di una pellicola che ne stimola l’eccitazione sessuale, di vedere ripetutamente e da varie angolazioni il membro di un altro uomo. Molti psicologi e sessuologi spiegano che, nella visione della pornografia, interviene un meccanismo di identificazion…

Un cult camp | Il vizietto

Il vizietto per la regia di Édouard Molinaro con Michel Serrault e Ugo Tognazzi è un capolavoro. Un vero cult della cinematografia.
La storia è semplice e nota: il figlio appena ventenne di Renato, omosessuale gestore di un locale dove si esibiscono delle drag queen, sta per sposarsi con la figlia di un uomo politico rappresentante di un partito della destra bigotta e oltranzista.Per evitare che il politico intransigente neghi il suo assenso alle nozze, il ragazzo chiede al padre di “normalizzare” momentaneamente la propria vita e di presentarsi alla cena con i futuri suoceri come un padre eterosessuale qualunque.Alla recita non è invitato Albin, il compagno di Renato, che ha fatto da “madre” proprio al ragazzo e che pare impossibilitato a vestire panni maschili.Viene, invece, invitata la madre biologica del giovane…Albin, però, ha un’altra idea che mette in atto all’insaputa di tutti…
Il film è un capolavoro camp.I personaggi gay “scheccano” paurosamente e si danno il femminile come no…